Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Giornalista molestata dopo Empoli-Fiorentina: identificato l’autore del gesto – VIDEO

Il gesto è avvenuto in diretta televisiva. Beccaglia: “Non può succedere e non deve accadere, tanto più che proprio i calciatori erano scesi in campo mostrando il simbolo della Giornata contro la violenza sulle donne"

Più informazioni su

Roma - E’ stato identificato ad immagini incrociate, mediante la rete di telecamere di videosorveglianza dello Stadio Castellani di Empoli, l’uomo che ha molestato la giornalista Greta Beccaglia. La Polizia del Commissariato di Empoli ha iniziato subito le indagini ieri pomeriggio, dopo che lo spiacevole fatto si è svolto, durante il collegamento in diretta della donna con l’emittente televisiva Toscana Tv, mentre commentava la partita di calcio di Serie A Empoli – Fiorentina: “Quello che è accaduto a me è una cosa che non è accettabile e non si deve ripetere”. Lo sottolinea all’Ansa la giornalista, come viene riportato questa mattina.

A quanto sembra, la donna non avrebbe sporto denuncia. Non sembra esserci nessun documento che attesti tale atto, alle autorità competenti e quindi, a quanto si apprende non ci sarebbero provvedimenti specifici verso il tifoso, senza denuncia.

Le parole della Beccaglia: “E' stata ripresa in diretta tv perché io ero a lavorare. Ma purtroppo, come sappiamo, tali molestie avvengono ad altre donne a telecamere spente cioè senza che nessuno venga a saperlo. Non può succedere e non deve accadere, tanto più che proprio i calciatori erano scesi in campo mostrando il simbolo della Giornata contro la violenza sulle donne". La giornalista prosegue: "Sto ricevendo molti messaggi di solidarietà da parte di tifosi e persone comuni, ma anche da parte di personaggi noti che hanno un'influenza molto importante sull'opinione pubblica e questa è una reazione generale molto positiva", aggiunge, tuttavia "vicende come questa non devono mai più accadere".

Tante gli interventi di personaggi politici dopo il fatto. Il presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati ha detto: "Mi auguro che le inaccettabili molestie in diretta tv siano perseguite senza esitazioni". Quello della Camera, Roberto Fico, ha dichiarato: “Episodio di violenza vera e propria". Per il leader dei M5s Giuseppe Conte le molestie "sono un gesto ignobile" e "un attacco alle libertà di tutte le donne", per quello Fdi Giorgia Meloni "i responsabili siano identificati e puniti" come chiede anche Nicola Fratoianni (Si). Esponenti di tutti i partiti, dal Pd alla Lega a Fi - e pure +Europa e Coraggio Italia - solidarizzano con la giovane giornalista, chiedono l'individuazione dei responsabili e di non sottovalutare mai tali gesti. "Questa volta le molestie le abbiamo viste in diretta tv, ma penso a quante donne sono costrette a subirle ogni giorno per strada, sul lavoro, sull'autobus. Episodi inaccettabili che ci confermano quanta strada ci sia ancora da fare. Forza Greta Beccaglia", scrive su Twitter Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari regionali e le autonomie. Maria Elena Boschi (Iv) scrive: "Comportamenti simili non sono bravate ma molestie. Nessuno si può prendere la libertà di toccare una donna senza il suo consenso".

Anche l'Ordine dei Giornalisti della Toscana, col presidente Giampaolo Marchini, ha espresso solidarietà a Greta, ha criticato il conduttore in studio, peraltro un giornalista esperto, "perché invece di condannare il gesto e il molestatore, ha invitato la collega a 'non prendersela'" per le molestie mentre, sottolinea l'Ordine "verso di lei non è stata sentita nessuna parola di solidarietà da parte del conduttore". L'Odg afferma di "smetterla di minimizzare, la violenza contro le donne è un problema culturale e sociale". Il conduttore Giorgio Micheletti poi in una nota ha affermato: "Chiedo scusa per le parole infelici usate nel momento concitato della diretta di sabato. In quel momento il mio unico interesse era di essere di aiuto a Greta. Ho sempre avuto in vita mia e nella mia carriera professionale un grande rispetto per e delle donne".

La Fiorentina con un dirigente ha contattato Greta sabato sera e, condannando il gesto, ribadisce massima disponibilità per aiutare le autorità a trovare i colpevoli. Chiede punizioni il sindaco di Empoli Brenda Barnini, mentre Empoli Fc e Genoa esprimono vicinanza a Greta. "Questo non è sport", afferma il club azzurro. Le indagini della Polizia sono in pieno corso. Toscana Tv parla di "gesto orribile e oltraggioso. L'episodio non è l'unico di cui è stata vittima la giornalista e non possiamo accettare di stigmatizzare questi comportamenti come goliardate. Si tratta di modi di pensare maschilisti che vanno chiamati con il loro nome: molestie". (fonte Ansa)

Più informazioni su