Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Minturno, l’ira di FdI: “Il Sindaco chiede la nostra collaborazione ma sono solo belle parole”

Il gruppo politico si dice risentito per non essere stato interpellato in merito alla proposta sul modello di gestione della nuova farmacia comunale

Minturno – ” Durante il primo consiglio il Sindaco ha comunicato di aspettarsi una collaborazione dalle opposizioni sulle cose concrete ma al momento queste sono solo belle parole”.

Il gruppo Fratelli d’Italia di Minturno bacchetta il primo cittadino Gerardo Stefanelli evidenziando: “Fino ad ora nessuna delle proposte avanzate dall’opposizione è stata accolta.

Già in precedenza è stato respinta l’idea di assegnare la vicepresidenza all’opposizione, contrariamente a quanto fatto nella scorsa consiliatura, poi è stato rinviato e al momento non accolto il suggerimento avanzato dai colleghi Del Balzo e Moni che, considerato la loro esperienza politica, avevano giustamente indicato il bisogno di un adeguamento del regolamento del consiglio comunale come già fatto altri comuni come Formia e Latina.

Più di ogni altra cosa – evidenzia il partito politico -, non siamo stati interpellati in merito alla proposta sul modello di gestione della nuova farmacia comunale che, a breve, aprirà in zona di Minturno. Parliamo di un servizio importantissimo per la comunità, non solo garanzia di prevenzione e di tutela della salute pubblica, ma anche capace di produrre importanti entrate economiche a favore dell’ente. Come gruppo di Fratelli d’Italia abbiamo evidenziato che quanto deliberato andava sicuramente preceduto da uno studio tecnico e finanziario capace di individuare con maggiore ponderatezza la strada da seguire in quanto, una scelta così importante per la comunità va sorretta da una competente ed analitica analisi di settore.

La legge consente diverse forme di gestione (in economia, a mezzo di azienda speciale, a mezzo di consorzi) e, pertanto, solo un’adeguata valutazione poteva indicare il modello di gestione più produttivo e meno rischioso per l’ente, anche perché al momento è pendente un ricorso contro il comune per la revoca o riforma dei provvedimenti istitutivo della VI farmacia.

Pure in merito sono stati chiesti chiarimenti, per meglio comprendere tutti i possibili scenari e non compromettere l’apertura della farmacia comunale, e dispiace aver sentito considerazioni per niente pertinenti e che, sinceramente, poco ci interessano. Per tutto questo il voto contrario alla concessione a terzi.

Ma, probabilmente, è questo il modello scelto dalla maggioranza: cedere a imprenditori esterni i servizi dell’ente in maniera unilaterale e senza il dovuto e necessario coinvolgimento auspicato.

Da parte nostra  – conclude Fratelli d’Italia – siamo pronti a chiedere la dispensazione e distribuzione anche a domicilio dei farmaci, nonché procedere a convenzioni con gli enti locali limitrofi per l’estensione del servizio al di fuori del territorio comunale e ad operazioni divulgazione di educazione sanitaria, sociale ed educativa in collaborazione gli istituti scolastici, dando la possibilità ai servizi sociali dell’ente la possibilità di destinare alle fasce più deboli le risorse provenienti dall’attività della nuova farmacia comunale ed istituire un bonus nascite per Minturno, spendibile presso gli esercizi commerciali presenti nel territorio”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Minturno
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Minturno

.