Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Meteo martedì: temperature da pieno inverno, ma breve tregua dal maltempo previsioni

Previsioni meteo Italia e Lazio 30 novembre 2021

Più informazioni su

Previsioni meteo Italia

SITUAZIONE. Provocherà gli ultimi fenomeni di instabilità martedì su parte delle regioni meridionali la perturbazione giunta sull’Italia ad inizio settimana direttamente dall’Artico. Ma le condizioni saranno già in netto miglioramento martedì, sia grazie al suo allontanamento verso i Balcani, sia per il rinforzo di un campo di alta pressione in espansione dall’Europa occidentale. La permanenza dell’anticiclone sul Mediterraneo centrale e l’Italia sarà però molto breve, visto che dalle latitudini settentrionali sarà già in gestazione un nuovo affondo perturbato. Nel frattempo le ultime piogge interesseranno domani Puglia, Basilicata, Calabria e nordest Sicilia, con neve già dai 500/700m sulle zone peninsulari, dai 1000m in Sicilia, ma in esaurimento in giornata e con tendenza a schiarite. Bel tempo invece sul resto d’Italia, ma con nubi in aumento in serata su confini alpini, Levante Ligure ed alta Toscana.

METEO MARTEDI’ 30 NOVEMBRE. Al Nord: Tempo soleggiato con qualche velatura di passaggio. Deboli nevicate la sera sui settori di confine dell’Alto Adige. Clima freddo, massime tra 8 e 13. Al Centro: Residui piovaschi tra Marche e Abruzzo nella notte, poi giornata stabile e soleggiata ovunque. Temperature in calo, massime tra 6 e 11. Al Sud: Instabilità nella prima parte della giornata, soprattutto in Sicilia, Calabria e Puglia, in esaurimento dal pomeriggio con ampie schiarite. Neve fino a 4-600mt. Temperature in diminuzione, massime tra 9 e 14.

Evoluzione meteo Lazio

MARTEDI’: il tempo è in netto miglioramento, la giornata trascorrerà all’insegna dei cieli sereni o poco nuvolosi su Toscana, Lazio e Umbria, anche se a fine giornata si assisterà ad un nuovo progressivo aumento delle nubi a partire dai settori costieri verso l’entroterra. L’aria artica giunta il giornp precedente farà crollare le temperature nei valori minimi, con gelate diffuse anche in pianura su Toscana, Umbria e Lazio interno ( fino a -3/-4°C su pianure interne toscane e fondovalle umbri), massime in lieve rialzo, specie su Umbria e Lazio. Venti residui da Nord, tendenti a disporsi nuovamente da Sudovest a fine giornata. Mare mosso o molto mosso al largo, ma con moto ondoso in calo.

Commento del previsore Lazio
Apice dell’irruzione artica sull’Italia con tempo instabile e freddo tra Toscana, Umbria e Lazio. Tempo in progressivo miglioramento nel pomeriggio sulla Toscana, qualche residuo rovescio ancora possibile tra reatino, orvietano e medio-alto Lazio; precipitazioni che insisteranno sul basso Lazio fino al tardo pomeriggio-prima sera, in esaurimento entro metà notte anche sull’Appennino Umbro-Laziale. Quota neve fin verso i 500-700m, ma a tratti più in basso (300-400m) in corrispondenza di precipitazioni più incisive; non esclusi eventi di graupeln o neve tonda a quote prossime le pianure. Martedì tregua con bel tempo prevalente ma molto freddo al mattino, con gelate fino in pianura specie su Toscana e Umbria, intense in Appennino (qui con valori anche prossimi i -3/-5°C nei fondovalle). La tregua tuttavia durerà poco: già mercoledì assisteremo ad un nuovo progressivo peggioramento, con prime piogge e apice del maltempo giovedì, quando le precipitazioni saranno più intense e diffuse. In tal frangente i venti di Libeccio provocheranno un addolcimento termico, con quota neve in rialzo, ma comunque fin verso i 1100-1300m sull’Appennino toscano.
(Fonte: 3B Meteo)

 

Più informazioni su