Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Roma, gli rubano il giubbotto a scuola, padre vendicatore va in istituto e sfonda due vetrate. Poi…

L'episodio è avvenuto in un istituto scolastico di via Acquaroni

Più informazioni su

Roma – La nuova ondata di controlli dei Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca, nella giornata di ieri, ha messo in subbuglio le piazze di spaccio della zona con 9 persone arrestate.

Nel corso dei controlli eseguiti a Tor Bella Monaca, i Carabinieri sono dovuti intervenire anche nei pressi di un istituto scolastico di via Acquaroni, dove, poco prima, un romano di 40 anni con precedenti, papà di uno degli alunni che frequentano la scuola, in evidente stato di alterazione, si era presentato con una trave in legno con cui ha sfondato 2 vetrate della struttura, alla presenza di insegnanti e alunni. Il 40enne ha “giustificato” il suo comportamento affermando che si trattava della “punizione” per chi, il giorno prima, aveva sottratto il giubbotto al figlio. L’uomo, che ha reagito violentemente anche all’arrivo dei Carabinieri, è stato arrestato con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento.

I militari hanno fatto scattare i blitz antidroga nella zona di via dell’Archeologia, dove a finire in manette sono stati, inizialmente, due romani di 32 e 51 anni, entrambi pregiudicati, che sono stati trovati in possesso di 55 dosi singole di cocaina e 80 euro in contanti; nel giro di poche ore, sono state arrestate altre 3 persone: un cittadino romeno di 18 anni, incensurato, sorpreso in strada con 39 dosi di cocaina e 140 euro; un cittadino albanese di 21 anni, pregiudicato e sottoposto al divieto di dimora nel comune di Roma, con 135 dosi di cocaina e 300 euro; un romano di 37 anni, con precedenti, “pizzicato” con 11 dosi di cocaina e 240 euro; un cittadino tunisino di 52 anni, pregiudicato, che aveva nella sua disponibilità 29 dosi di cocaina e 105 euro.

A Torre Gaia, in via Paolo Ferdinando Quaglia, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno arrestato un romano di 45 anni, con precedenti e in atto sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, a seguito di un controllo, durante il quale è stato sorpreso con 11 dosi di cocaina e 550 euro in contanti. Poco lontano, in via Giovanni Battista Scozza, i militari hanno affatto scattare le manette ai polsi di un romano di 46 anni, senza fissa dimora e con precedenti, trovato con 10 dosi di hashish e 77 euro, e un romano di 40 anni, anche lui con precedenti, con in tasca 4 involucri di crack e 570 euro in contanti.

Tutto il denaro trovato nella disponibilità degli arrestati – ammontante a oltre 2mila euro – è stato sequestrato, insieme alla droga, poiché ritenuto provento dell’attività di spaccio.

In via di Torrenova, invece, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno sorpreso una cittadina romena di 36 anni, attualmente sottoposta agli arresti domiciliari, fuori dalla propria abitazione senza alcuna autorizzazione né giustificazione. Inevitabile, per lei, l’arresto con l’accusa di evasione.

Per dovere di cronaca, e a tutela di chi è indagato, ricordiamo che un’accusa non equivale a una condanna, che le prove si formano in Tribunale e che l’ordinamento giudiziario italiano prevede comunque tre gradi di giudizio.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Roma Città Metropolitana
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram sulle notizie dall’Italia e dal mondo

Più informazioni su