Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Latina. “Scarcera mio figlio”, la mamma di un detenuto aggredisce il giudice

La solidarietà dell'Associazione nazionale magistrati al collega Giuseppe Cario

Latina – Si sono vissuti momenti di paura stamattina al primo piano dl Palazzo di Giustizia di Latina. Una donna, la mamma di un detenuto, pare abbia raggiunto l’ufficio del Gip Giuseppe Cario e iniziato a urlare per chiedere la scarcerazione del figlio.

La donna è stata sentita gridare contro il magistrato che aveva apposto la firma sull’ordinanza di custodia cautelare in carcere del figlio il quale, intanto, chiuso nel carcere di Latina, da diversi giorni ha iniziato lo sciopero della fame.

La donna è stata allontanata dai carabinieri in servizio in Tribunale e affidata a una pattuglia della Polizia.

Una vicenda per la quale è scattata immediata la solidarietà nei confronti del giudice Cario. Non di meno l’Associazione Nazionale Magistrati, sezione di Latina, che ha inviato immediatamente una nota di solidarietà al collega, a firma del Presidente Valerio De Luca.

“L’Anm è costretta nuovamente ad intervenire per esprimere indignazione sul gravissimo episodio di aggressione che ha subito in data odierna il giudice Giuseppe Cario all’interno del Tribunale.

Si tratta di un tentativo intimidatorio oltraggioso, ancora più grave in quanto avvenuto all’interno del Palazzo di Giustizia, rivolto contro il lavoro coraggioso di un magistrato che si trova ad operare in una realtà complessa e difficile, caratterizzata da una elevata densità criminale alla quale sono esposti tutti gli operatori della Giustizia.

Riteniamo imprescindibile ribadire che la magistratura pontina risponde compatta ad ogni tentativo di delegittimazione e di minaccia alla propria integrità. I magistrati di Latina sono pienamente solidali con il giudice Cario e sono certi che niente indebolirà il suo operato e nessuna intimidazione minerà la sua serenità di giudizio”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Latina
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Latina