Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Rapine sulla tratta ferroviaria Nettuno-Roma: i video incastrano 2 baby rapinatori

Il bilancio complessivo dei controlli effettuati dal Compartimento polizia ferroviaria nell'ambito dell'operazione Stazione Sicure

Nettuno – Nella serata del 3 dicembre, personale della Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polfer per il Lazio ha rintracciato due minori di origine croata all’interno dell’atrio biglietteria, sito nello scalo ferroviario di Nettuno.

I due giovani sono stati riconosciuti, quali autori di rapine commesse a bordo di alcuni convogli nella tratta Nettuno – Roma, grazie anche al sistema di video sorveglianza predisposto all’interno degli scali ferroviari presenti lungo la linea. Per uno di loro è scattato il fermo di Polizia Giudiziaria, l’altro minore è stato deferito in stato di libertà.

Sono stati in tutto 3 gli arrestati, 4 gli indagati e 7mila e 322 le persone controllate dalle 419 pattuglie impegnate in stazione e 62 a bordo di 143 treni, 34 le sanzioni amministrative elevate. Questo è il bilancio complessivo dei controlli effettuati dal Compartimento polizia ferroviaria per il Lazio nella settimana dal 29 novembre al 5 dicembre 2021.

Nell’ambito dell’operazione Stazione Sicure, svoltasi nella giornata del 3 dicembre, promossa su scala nazionale dal Servizio Polizia Ferroviaria ed incentrata sul rafforzamento delle attività di controllo del “territorio ferroviario”, il bilancio è stato di 1 arrestato, 1 indagato, 1.343 persone controllate, 148 bagagli ispezionati, 178 operatori impegnati in 81 scali ferroviari.

In particolare, nella serata del 4 dicembre, personale del Reparto stazione Roma Termini, durante i consueti servizi di vigilanza ha indentificato un cittadino italiano di 48 anni. Dai controlli a carico dell’uomo è emersa un’esecuzione di ordine di carcerazione del Tribunale di Genova per scontare la pena di 11 mesi e 31 giorni per furto aggravato. Il 48enne è stato arrestato e condotto in carcere.

Per dovere di cronaca, e a tutela di chi è indagato, ricordiamo che un’accusa non equivale a una condanna, che le prove si formano in Tribunale e che l’ordinamento giudiziario italiano prevede comunque tre gradi di giudizio.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Nettuno
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Nettuno