Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Partono gli sms sbagliati, prima negativi poi positivi: è caos tamponi nella Asl Roma 6

Guasto ai sistemi informatici della Asl Roma 6, partono gli sms sbagliati: tamponi da rivedere

Roma –  Prima negativi, poi positivi. E viceversa. E’ il caos nelle cittadine del litorale a sud di Roma e nell’area dei Castelli Romani dopo che la Asl Roma 6, in queste ore, ha fatto sapere, tramite un post sui suoi canale social, di un grave “disservizio”: “Causa guasto ai sistemi informatici sono stati inviati sms non attendibili. Ci scusiamo per i disagi”. E ora rischia di andare in tilt il sistema di tracciamento con centinai di tamponi, rapidi e molecolari, che risulterebbero inattendibili. poiché ad andare in tilt sarebbe stato proprio il sistema di refertazione dei tamponi. Ma il problema è più grande: a molti, stando ai commenti dei residenti, sono arrivati messaggi di rettifica, sia ai negativi che ai positivi. In questa maniera, anche i veri positivi hanno creduto di poter uscire per fare la spesa o incontrare gli amici. Ora i risultati dei tamponi sono tutti da rivedere. La Asl, dal canto suo, fa sapere: “Sarà nostra cura inviare a breve comunicazione ufficiale con la corretta refertazione”.

Caos tamponi: cosa farà ora la Asl Roma 6

Per far fronte al problematica, nella Asl Roma 6, come si legge in una nota diffusa dalla stessa Azienda Sanitaria, “è stata attivata una task force di 50 persone per la gestione delle criticità. Queste le azioni intraprese dall’azienda sanitaria:

invio nella notte di messaggio ufficiale con refertazione corretta per i tamponi eseguiti tra il 29 dicembre e il 3 gennaio;
messa a disposizione dei cittadini della casella di posta elettronica dedicata alla trasmissione dei referti: laboratorio.genzano@astroma6.it;
creazione equipe di n. 15 persone che risponderà via mail ai cittadini inviando il file del referto e gestendo gli invii degli esiti pregressi alla data del 4 gennaio;
istituzione gruppo per la tempestiva trasmissione via mail dei tamponi antigenici eseguiti a partire dal 5 gennaio;
rinforzo del sisp aziendale che con una squadra dedicata di n. 30 operatori contatterà tutti i pazienti positivi fornendo le adeguate indicazioni;
i negativi potranno fare richiesta di esito alla mail dedicata.

Contestualmente – conclude la nota della Asl – i tecnici informatici stanno lavorando ininterrottamente per il ripristino del sistema”.

(Il Faro online)