Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Boris Becker: “Djokovic sbaglia. L’essere no vax causerà problemi alla carriera”

Subito una marcia indietro, per non avere rimpianti in futuro. L’ex tennista numero uno dello staff del serbo

Più informazioni su

Novak Djokovic sta commettendo un “grande errore” non facendosi vaccinare contro il Covid-19, secondo l’ex campione ed ex coach del numero uno al mondo, Boris Becker.

Il serbo è in attesa dell’esito di un ricorso contro la decisione dell’Australian Border Force (ABF) di annullare il visto d’ingresso al campione in carica dell’Australian Open e di espellerlo, con ricorso fissato per lunedì. Djokovic ha parlato in passato della sua opposizione alla vaccinazione e ha pubblicato un post sui social media prima di partire per gli Australian Open dicendo di aver ricevuto un “permesso di esenzione” per entrare nel paese.

Becker – lui stesso ex numero uno del mondo e due volte campione dell’Australian Open, oltre ad aver vinto tre titoli a Wimbledon – ha goduto di una partnership di tre anni di successo con Djokovic che ha incluso sei vittorie del Grande Slam. Il 54enne mantiene uno stretto rapporto con il serbo, ma ritiene che le loro opinioni su come proteggersi al meglio dal coronavirus siano molto diverse. “In questa occasione penso che stia commettendo un grosso errore nel non farsi vaccinare. Minaccia ciò che resta della sua carriera e la sua possibilità di cementarsi come il più grande giocatore di tutti i tempi”, ha detto Becker al Daily Mail. “Quattro volte mi sono seduto nel suo box mentre vinceva l’Australian Open, quindi sono pienamente consapevole dei suoi grandi punti di forza. Penso anche che abbia un grande carattere che può essere facilmente frainteso”.

“Eppure questi punti di forza possono essere anche punti deboli. La stessa incredibile determinazione con cui gli ho visto vincere tante partite ravvicinate può essere una vulnerabilità con la sua testardaggine”. Becker ritiene che se Djokovic manterrà la sua decisione nei confronti del vaccino, potrebbe presentare più ostacoli alla sua carriera da giocatore. “È incredibilmente volitivo, con convinzioni molto ferme. Se non lo fa, tra 10 anni guarderà indietro e si renderà conto di aver commesso un errore”, ha detto Becker.

“Non si tratta solo dell’Australia. Il fatto è che viviamo in un mondo diverso e per lui sarà molto difficile vivere la vita di un tennista professionista che viaggia senza vaccinazione. Quelle sono le regole, piaccia o no, e bisogna accettarle. Forse un giorno torneremo a una situazione più normale, ma a 34 anni non ha molto tempo per perseguire i suoi obiettivi – ha sottolineato l’ex campione tedesco -. Come persona a lui affezionata, so che soffrirà. Rimarrà scioccato dal trattamento che sta ricevendo, in una stanza squallida con i suoi pasti spinti sotto la porta. Sarà tanto più sconcertante perché ama giocare in Australia e forse in nessuno stadio più della Rod Laver Arena”. (Adnkronos)

Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport

Più informazioni su