Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Un videoclip musicale per ricordare il 78mo anniversario dello Sbarco di Anzio

Le parole e la musica dell'emozionante brano sono di tre giovani studenti diciassettenni del territorio, con il videoclip girato nei luoghi dell'Operazione Shingle

Anzio – Fine settimana di lavoro, sulle Riviere di Levante e di Ponente, per girare le immagini del videoclip “Anzio, dove sarai”, nuovo inno cittadino dello Sbarco di Anzio, promosso dal sindaco, Candido De Angelis e dall’assessore alla Scuola e Cultura, Laura Nolfi, che sarà diffuso nelle prossime ore.

Le parole e la musica dell’emozionante brano sono di tre giovani studenti diciassettenni del territorio, con il videoclip girato nei luoghi dell’Operazione Shingle: Francesca Galasso (Voce, Liceo Classico Chris Capppell College), Paolo Capomaggi (Batteria, basso e piano, Liceo Scientifico Innocenzo XII) ed Alessandro Bianco (Chitarra, Liceo Scientifico Innocenzo XII), in arte The Basement, sono i protagonisti dell’innovativo progetto musicale, curato dall’Assessore, Laura Nolfi, in collaborazione con l’Ufficio Comunicazione Istituzionale, in occasione delle Celebrazioni per il 78° Anniversario dello Sbarco di Anzio.

“La situazione sanitaria nazionale – afferma De Angelis – purtroppo non ci consente la programmazione di eventi in presenza ma, come Amministrazione Comunale, abbiamo messo in campo progetti culturali, come quello di questo emozionante videoclip, finalizzati a mantenere sempre viva la memoria sul nostro passato ed a dare spazio alla poesia dei ragazzi di oggi, collegandoli virtualmente con quelli di ieri, che la notte del 22 gennaio 1944 sbarcarono ad Anzio per la liberazione di Roma e dell’Italia”.

“Le onde del mare, la spiaggia di Anzio, i pescatori, i gabbiani, i bambini che giocano con gli aquiloni, gli anni sessanta del boom economico e delle vacanze romane, con Carlo Verdone bambino che gioca sulla Riviera di Levante, ma, soprattutto, – afferma l’Assessore alla Cultura e Scuola, Laura Nolfi, che ha seguito da vicino il percorso dei tre studenti del territorio – la disperata ricerca dei ragazzi del ’44, che abbiamo smarrito per sempre, così come Roger Waters ha smarrito suo padre nelle paludi della Battaglia di Anzio, in un mare diventato scuro ed in una sabbia colma di sofferenza, sono la linea portante del videoclip che sarà diffuso nelle prossime ore”.

Per ricordare lo Sbarco, il Comune di Nettuno ha invece programmato diversi appuntamenti per commemorare gli eroi che hanno combattuto e sono caduti sul nostro territorio. Giovedì 20 gennaio presso la Sala Consiliare del Comune di Nettuno ci sarà la premiazione del premio dedicato alla memoria di Antonio Taurelli riservato alle scuole secondarie di I Grado di Nettuno.

Venerdì 21 gennaio si aprirà con la consegna dei premi “Antonio Taurelli” alle classi vincitrici del concorso dedicato alle scuole secondarie di II Grado. A seguire la presentazione del video documentario a cura dell’Assessorato al Turismo dal titolo “Nettuno, Storie di Libertà” con le testimonianze raccolte dall’Associazione La Tamerice di reduci nettunesi della Seconda Guerra Mondiale che racconteranno i loro ricordi del 22 gennaio 1944. Concluderà la giornata la presentazione del libro “Non siamo Eroi” di Silvano Casaldi.

Sabato 22 gennaio spazio dedicato alle cerimonie istituzionali con il Comune di Nettuno che omaggerà i luoghi simbolo dello Sbarco Alleato. Alle ore 11 appuntamento a Piazza Cesare Battisti con la deposizione di una corona di fiori al Monumento ai Caduti alla presenza delle autorità Civili e Militari del Territorio.

(Il Faro online)