Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Spaccio di droga a Pomezia: due pusher arrestati in poche ore

I due sono stati sorpresi dai Carabinieri in due diverse piazze di spaccio della cittadina

Pomezia – I Carabinieri della Compagnia di Pomezia hanno arrestato due persone per reati inerenti agli stupefacenti.

In manette è finito un 49enne romano, con precedenti, notato dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Pomezia mentre si aggirava con fare sospetto in una nota piazza di spaccio. L’uomo è stato visto prima salire e poi immediatamente scendere a bordo di un’autovettura per poi dirigersi in un palazzo e ritornare presso lo stesso veicolo dove un secondo uomo era rimasto in attesa. I Carabinieri, a questo punto, sono intervenuti bloccando il 49enne, trovato in possesso di dosi di cocaina, e identificando l’acquirente, trovato in possesso di 3 dosi della stessa sostanza appena acquistate, poi segnalato alla Prefettura, quale assuntore. L’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo.

Gli stessi Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Pomezia hanno anche arrestato un 21enne già noto alle forze dell’ordine, sorpreso all’interno di una diversa piazza di spaccio. Il giovane è stato notato mentre si aggirava nei pressi di alcune cantine condominiali delle palazzine di edilizia popolare ed è stato fermato per una verifica. Alla vista dei Carabinieri, il giovane ha tentato di darsi alla fuga ma è stato bloccato e trovato in possesso di un pezzo di hashish ed un mazzo di chiavi, attraverso le quali i militari sono risaliti ad uno scantinato. Nel locale a lui in uso, i Carabinieri hanno rinvenuto 87 grammi di cocaina, suddivisa in 120 dosi, 13 grammi di crack, bilancini di precisione, materiale per il confezionamento ed una pistola giocattolo priva di tappo rosso.

In quel frangente, dinanzi all’evidenza dei fatti, il giovane ha iniziato ad ostacolare l’operato dei militari tentando di intimorirli con frasi minacciose ma è stato arrestato e portato in caserma dove è stato trattenuto, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Per dovere di cronaca, e a tutela di chi è indagato, ricordiamo che un’accusa non equivale a una condanna, che le prove si formano in Tribunale e che l’ordinamento giudiziario italiano prevede comunque tre gradi di giudizio.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Pomezia
ilfaroonline.it è su GOOGLE NEWS. Per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie, clicca su questo link e seleziona la stellina in alto a destra per seguire la fonte.
ilfaroonline.it è anche su TELEGRAM. Per iscriverti al canale Telegram con solo le notizie di Pomezia, clicca su questo link