Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

D’Amato: “Nel Lazio Omicron è dominante ma non si prospetta nessun cambio di colore”

Il tasso di occupazione delle terapie intensive si mantiene stabile al di sotto del valore target

Roma – “Nel Lazio la variante Omicron è oramai prevalente al 95% sul totale dei campioni sequenziati. Questo è il dato che emerge dall’analisi preliminare del laboratorio regionale di riferimento dell’Istituto Spallanzani. I dati preliminari condotti dal SERESMI-Spallanzani (Servizio Regionale delle Sorveglianze delle Malattie Infettive) vedono un valore RT ancora sotto a 1 (0.76) per la seconda settimana di seguito, indicano un numero di casi stabili rispetto alla settimana precedente, con un aumento dell’incidenza legato prevalentemente agli asintomatici. Il tasso di occupazione dei posti di area medica è leggermente al di sopra del valore target, mentre il tasso di occupazione delle terapie intensive si mantiene stabile al di sotto del valore target. Questi indicatori determineranno con molta probabilità il mantenimento del Lazio in zona gialla”. Lo dichiara l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.