Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Spirale luminosa nei cieli della Norvegia: Ufo, stargate o c’è una spiegazione più semplice?

Strani segni nel cielo compaiono su Youtube, ma non sono quel che sembrano...

Più informazioni su

Su alcuni siti specializzati in “misteri” è stato pubblicato un filmato che secondo alcuni costituirebbe una straordinaria evidenza del fenomeno Ufo: una spirale luminosa apparsa nel cielo di Troms, in Norvegia, tra il 19 ed il 20 febbraio 2022. Lo strano fenomeno sarebbe stato ripreso da un certo Svein Lifeder, che avrebbe poi inviato il filmato ad ‘El Emisario’.

ufo

Subito dopo la pubblicazione hanno cominciato a fioccare le ipotesi. Quasi subito qualche appassionato di fantascienza ha tirato in ballo addirittura uno “stargate”, ovvero un portale dimensionale, per non dire di chi ha ipotizzato la presenza di un piccolo buco nero che avrebbe inghiottito la Terra. Non si tratta di nulla di ufologico nel senso stretto del termine, ma sempre di un fenomeno insolito avvenuto nell’atmosfera, quindi oggetto di attenzione da parte di chi come noi studia i vari fenomeni luminosi visibili da terra.

Fin dai primi rilanci sulle varie liste di discussione, infatti, gli ufologi si sono accorti e hanno verificato che il filmato era straordinariamente simile ad un evento avvenuto sempre in Norvegia ma nel 2009, di cui molti di noi si ricordavano. In quel caso si trattava del lancio di un missile russo, o meglio del fallito lancio di un missile Bulava, forse da parte di un sottomarino. Lo studioso fiammingo Wim Van Utrecht ha, quindi, recuperato il vecchio filmato del dicembre 2009 ed ha eseguito un accurato confronto, dal quale si conferma che il nuovo filmato era esattamente il vecchio filmato di 13 anni prima, al punto da trovare due fotogrammi perfettamente identici. La probabilità che due fenomeni diversi siano stati identici in tutto e per tutto, persino dallo stesso punto geografico di visuale, è praticamente nulla.

In cosa consisteva quindi il fenomeno? All’inizio era solo l’apparizione di un globo luminoso, circondato da anelli di luce che poco dopo hanno preso le sembianze di una spirale, la quale si è colorata di bianco verso l’esterno e di blu all’interno, ingrandendosi fino a diventare più grande della Luna. Uno spettacolo già visto altre volte, causato da razzi che hanno perso la traiettoria parabolica o rettilinea a causa di problemi nel sistema di direzionalità del loro motore: sistema che deve bilanciare ogni piccolo spostamento mantenendo la traiettoria tramite lo spostamento degli ugelli che emettono il gas di spinta. In questo caso la direzione di spinta bloccata verso un lato fa muovere in tondo il corpo del razzo i cui gas disegnano così una spirale, come una girandola pirotecnica.

Inizialmente non c’erano state conferme ufficiali ai rilanci delle agenzie di stampa norvegesi, che parlavano di missili russi, ma poi l’agenzia russa Vedomosti, citando una fonte militare, spiegò che l’origine era da imputarsi al missile navale russo RSM-56 Bulava (nome in codice NATO SS-N-30 Mace), che aveva fallito il tredicesimo test proprio quella mattina. Si è trattato, quindi, di una mezza bufala: un vecchio caso, avvenuto molti anni prima, spacciato come avvenuto da poche ore, sfruttando un momento di particolare attenzione verso l’instabilità politica internazionale, alla ricerca di segni nel o dal cielo, quasi a richiedere un intervento dall’alto. Non a caso ci sono frange millenaristiche che ancora oggi evocano coinvolgimenti da parte di extraterrestri, come il vecchio deus ex machina, al fine di dirimere le attuali controversie terrestri. Si tratta di vecchie teorie sorte negli anni 50, che ancora non sono morte. (Video – Youtube @El emisario)

* Stefano Innocenti –
Cisu – Centro Italiano Studi Ufologici
_____________________________________________________

Se osservate una luce o un qualcosa in cielo che, in tutta coscienza, non riuscite a spiegarvi, inviate una mail a misteri@ilfaroonline.it e mettetevi in contatto con il Cisu, al sito www.cisu.org oppure all’indirizzo www.ufotuscia.it

 

Più informazioni su