Seguici su

Cerca nel sito

Europei di scherma straordinari per l’Italia Under 20: sette medaglie il bottino azzurro foto

Domani iniziano le gare della categoria Cadetti. Due ori, due argenti e tre bronzi intanto, in bacheca

Più informazioni su

Il mercoledì da leoni della scherma azzurra regala una medaglia d’oro e due di bronzo. Ha il sapore del trionfo per l’Italia la quinta giornata dei Campionati Europei Giovani e Cadetti di Novi Sad 2022 che segnava la conclusione del programma dedicato agli Under 20 con le ultime gare a squadre.

Un giorno ricchissimo e reso magico del successo del team di fioretto maschile, che si laurea campione d’Europa con Giulio Lombardi, Tommaso Martini, Damiano Di Veroli e Jacopo Bonato, a cui si aggiungono i due terzi posti delle formazioni di spada maschile e sciabola femminile, che portano meritatamente sul podio Filippo Armaleo, Enrico Piatti, Simone Mencarelli e Matteo Galassi tra gli spadisti, e Mariella Viale, Carlotta Fusetti, Lucia Stefanello e Manuela Spica tra le sciabolatrici.

Il Tricolore sventola più in alto di tutte le altre bandiere nel fioretto maschile. Inarrestabile la marcia degli azzurrini, guidati dai maestri Giuseppe Pierucci e Francesca Bortolozzi. Senza storia sia il match del tabellone da 16, vinto per 45-25 contro Israele, che l’assalto dei quarti con l’Ungheria chiuso con un ancor più netto 45-22. In semifinale il quartetto Martini-Di Veroli-Lombardi-Bonato ha trovato la Francia, prendendo subito il comando dell’incontro e mettendo tra sé e i transalpini un margine aumentato stoccata dopo stoccata. Il 45-31 che ha consegnato all’Italia il pass per la finale è specchio fedele di una sfida tutta tinta d’azzurro.

S’è arrivati così al match per la medaglia d’oro contro la Polonia. Una finale equilibratissima: l’Italia parte forte, i polacchi si rifanno sotto e dalla terza frazione in avanti sorpassano e danno la sensazione di scappar via. Da lì, ciascuno per la propria parte, gli azzurrini riescono a restare nell’incontro riavvicinandosi pian piano: Lombardi ci riporta a -3, Di Veroli si scatena e archivia l’ottava frazione in parità, Martini chiude completando il capolavoro: 45-41 per l’Italia, titolo europeo e Inno di Mameli che risuona alla Spens Arena.

Luccica anche il bronzo degli spadisti. Il cammino di Armaleo, Piatti, Mencarelli e Galassi, seguiti dai maestri Paolo Zanobini e Mario Renzulli, è cominciato con una schiacciante affermazione per 37-22 sulla Bulgaria. A seguire, l’Italia ha conquistato un posto tra le “top 4” grazie al successo con il punteggio di 45-41 contro l’Estonia, in un assalto teso, a lungo fermo dopo un cartellino nero per passività a un componente della squadra estone, gli azzurrini sono stati però bravissimi a restare concentrati e a imporsi 45-41. Qui il grande rimpianto di un’ottima semifinale disputata contro la Svizzera, testa di serie numero 1 del tabellone: un incontro equilibratissimo, condotto punto a punto, e vinto dagli elvetici per 30-29 solo al minuto supplementare.

Con tanta rabbia e adrenalina dentro, gli spadisti azzurri sono riusciti però a conquistare meritatamente il terzo gradino del podio, battendo la Francia per 38-34 nella finale per il bronzo.

Ed è bronzo pure per le sciabolatrici. Prestazione eccellente anche quella offerta dal quartetto Viale-Fusetti-Stefanello-Spica, condotte a fondo pedana dai maestri Tommaso Dentico e Sorin Radoi. Debutto convincente con la Gran Bretagna, sconfitta 45-18, poi il quarto di finale comandato fin dal principio contro la Polonia e che ha visto le azzurrine imporsi per 45-38. Lo stop è arrivato però in semifinale contro l’Ungheria, che facendo suo il match per 45-18 ha dirottato l’Italia alla sfida per il bronzo contro la Turchia.

Grintose e con tanta voglia di tornare a casa con una medaglia, le azzurrine si sono prontamente riscattate vincendo la sfida contro le turche per 45-42 e conquistando il terzo gradino del podio.

L’Italia conclude così la spedizione Under 20 con sette medaglie. A livello individuale sono arrivati l’oro del fiorettista Giulio Lombardi, l’argento di Irene Bertini nel fioretto femminile e il bronzo dello spadista Matteo Galassi. Quattro volte gli azzurrini sono saliti sul podio nelle prove a squadre: d’oro il team dei fiorettisti con Giulio Lombardi, Tommaso Martini, Damiano Di Veroli e Jacopo Bonato, argento per gli sciabolatori Pietro Torre, Emanuele Nardella, Lorenzo Ottaviani e Giorgio Marciano, poi i bronzi degli spadisti Filippo Armaleo, Enrico Piatti, Simone Mencarelli e Matteo Galassi e delle sciabolatrici Mariella Viale, Carlotta Fusetti, Lucia Stefanello e Manuela Spica.

Speciale la dedica di tutti i medagliati di oggi: alle compagne delle squadre di fioretto femminile e spada femminile che ieri hanno lasciato la gara prima dei rispettivi assalti contro la Russia.

Da domani gli Europei Giovani e Cadetti di Novi Sad 2022 lasciano spazio alle Under 17. Si comincia con le gare individuali di fioretto femminile e sciabola maschile. Per l’Italia in pedana le fiorettiste Matilde Molinari, già protagonista tra le Under 20, Beatrice Pia Maria Bibite, Greta Collini e Sofia Giordani, e gli sciabolatori Antonio Aruta, Davide Cicchetti, Edoardo Reale e Marco Stigliano.

(foto@AugustoBizzi)

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport

 

Più informazioni su