Seguici su

Cerca nel sito

Jacobs è leggenda d’oro nei 60 metri mondiali: “Frutto del durissimo lavoro fatto”

Settima medaglia vinta nella storia dell’Italia ai Mondiali Indoor. L’azzurro punta agli alti traguardi del 2022

Belgrado – Umile e incredulo Jacobs a margine della sua storica finale nei 60 metri a 6.41 (anche record mondiale indoor). Ha scritto la storia e le parole probabilmente non sono banali. Marcell ha vinto la sua medaglia della continuità dopo il primo posto leggendario alle Olimpiadi. E’ anche commosso ai microfoni di Raisport. L’oro conquistato nei 60 metri è pesante e chiede di avere compagnia. Le prossime gara saranno gli Europei estivi e poi i Mondiali all’aperto a Eugene.

L’azzurro è felicissimo: “E’ magia e duro lavoro. Ho cercato di trovare le migliori condizioni, dovevo andare il più forte possibile in finale. Abbiamo dimostrato di essere forti quando contava. Sono felice dell’oro e grazie per il supporto. Era veramente importante dimostrare che non era un caso l’oro olimpico, ho lavorato negli anni e mi sono messo alla prova. Dovevo migliorare adesso, per correre forte nei 100 metri. Voglio sognare ancora. Ho fatto un lavoro mentale concentrato su me stesso, mi sono buttato sul traguardo. Sono tanto contento. Grazie al mio staff”. La stagione indoor è iniziata benissimo con grandi risultati e le tre gare vinte in programma. Tra il 6.51 e il 6.41 di stasera. 10 centesimi in meno. Dimostrando che l’azzurro è sempre più veloce. Cosa accadrà questa estate? I tifosi sognano e lui è felice di portarli con sé in pista: “Se quest’anno dovessi vincere le altre gare in programma, avrei vinto tutto quello che c’è da vincere”. Brilla l’oro olimpico ne 100 metri e sembra che il crono registrato a Tokyo sia destinato ad essere sbriciolato. Il 9.80 intanto sta lì ma potrebbe essere temporaneo: “Abbiamo passato dei momenti non facili e abbiamo lavorato a testa bassa con umiltà.. continuiamo a sognare”.

C’è anche suo figlio a bordo pista e l’azzurro dedica un pensiero alla festa del 19 marzo: “Ho festeggiato al meglio la festa del papà, auguri a tutti voi. Ho desiderato tanto questi momenti”.

Gli altri sono dietro. Coleman è argento con 6.42 e Bracy è terzo con 6.44.

(foto@Colombo/Fidal)

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport