Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Pnrr, Severini: “Bene reperire i fondi per le strutture sportive e il Polo Natatorio al Nord. Ma in maggioranza regna la confusione”

Il Capogruppo di Crescere Insieme: "Come lista civica riteniamo che gli interessi della collettività debbano essere messi prima di qualsiasi cosa"

Fiumicino – “In questo periodo, si sente parlare molto di Pnrr e, finalmente, oggi in aula consiliare è stato votato un documento legato a questi fondi: verranno realizzate, qualora si vinca il bando, strutture sportive nel Nord del Comune di Fiumicino. Quella del Pnrr era un’occasione unica, che non potevamo farci sfuggire, tenendo conto di quanto l’attività sportiva sia fondamentale per la crescita dei nostri ragazzi”. Così, in una nota stampa, Roberto Severini, capogruppo della lista civica Crescere Insieme

“Dispiace, però, che tale documento sia stato presentato anche da Crescere Insieme – spiega il Capogruppo – con un’unica differenza, non si parlava solo di Pnrr, ma in particolare di costruire un Polo Natatorio nella zona nord: un impianto che possa diventare un punto di riferimento, non solo per il nostro territorio, ricordando la crescente richiesta per le attività ginnico-motorie legate al nuoto, ma anche per i Comuni limitrofi. L’area identificata sarebbe di proprietà del Comune in zona Palidoro al Granaretto.

Siamo consapevoli che la discussione politica a volte vada oltre le tematiche che sono a favore della cittadinanza, ma come lista civica riteniamo che gli interessi della collettività debbano essere messi prima di qualsiasi cosa. Mentre la maggioranza, sembra confusa, non esitando a bocciare proposte, anche ritenute valide, solo perché provenienti dall’opposizione”.

“Quello che ci auspichiamo, – conclude Severini – è un cambio di rotta da parte della politica stessa, anteponendo gli interessi dei cittadini e del territorio, agli interessi personali o di partito. Crescere insieme, come lista civica, continuerà le sue battaglie per la cittadinanza e voterà in aula sempre per senso di responsabilità e non di appartenenza”.