Seguici su

Cerca nel sito

Premier League di karate, Casale e Crescenzo in finale per l’oro

Oggi le altre gare per la Nazionale Italiana. Domenica la giornata conclusiva

Primo giorno di eliminatorie ieri alla Premier Legue di Matosinhos di karate e ben due finali per l’oro e quattro per il bronzo conquistate dagli atleti italiani in Portogallo. Una giornata che conferma ancora la forza dei nostri karateka a livello mondiale.

Nel kata femminile, Carola Casale, iscritta al torneo con il C.S. Esercito, ha conquistato una splendida finale per il bronzo, battendo ai quarti di finale la statunitense Sakura Kokumai, terza nel ranking mondiale, 25.66 a 25.42. Carola, che già nel girone aveva messo a punto tre vittorie su tre, si è poi arresa alla forte hongkonghese Lau Mo Sheung. Domenica mattina se la vedrà con la giapponese Maho Ono.

L’azzurra Terryana D’Onofrio, invece, non è riuscita a superare il suo girone nel quale, dopo una convincente vittoria sulla marocchina Sanae Agalmam, è stata sconfitta proprio da Lau Mo Sheung per pochi centesimi di punti (24.80 a 24.72).

Per quanto riguarda il kumite, Angelo Crescenzo e Daniele De Vivo combatteranno per l’oro, mentre Veronica Brunori, Danilo Greco e Lorenzo Pietromarchi.

Angelo Crescenzo sfiderà il greco Christos-Stefanos Xenos domenica pomeriggio per salire sul gradino più alto del podio. Angelo ha incontrato e battuto in semifinale il marocchino Oussama Edari 3-1, mentre ai quarti ha avuto la meglio su Danilo Greco per 1-0, in una sfida tutta italiana, contro il connazionale iscritto al torneo dal C.S. Esercito. Danilo, allo stesso tempo, sfiderà proprio Edari Oussama per conquistare la medaglia di bronzo nella mattinata di domenica.

Anche Daniele De Vivo, nei 75 kg, è stato protagonista di una grande gara che lo ha portato fino alla finale per l’oro, da disputare contro l’azero Farid Aghayev. Daniele, iscritto dallo Shirai Club S. Valentino, ha battuto in semifinale l’ucraino Andrii Zaplitnyi 3-0, mentre ai quarti anche lui è stato impegnato in una sfida tutta italiana contro Lorenzo Pietromarchi, finita 0-0 ma che ha dato ragione a De Vivo. Lorenzo, iscritto al torneo dal C.S. Carabinieri, andrà a giocarsi la finale per il bronzo con Zaplitnyi.

Nella stessa categoria, invece, non ha superato il girone l’azzurro Amhed El Sharaby nonostante due ottime vittorie. Battuto, però, dall’azero Aghayev.

Veronica Brunori, nei 55 kg, sfiderà nella finalina la lussemburghese Jennifer Warling, già incontrata nel girone e con la quale ha pareggiato 0-0. Anche lei ha fatto un ottimo percorso, cedendo il passo soltanto in semifinale all’ucraina Anzhelika Terliuga 3-0, attualmente prima nel ranking mondiale. Veronica aveva battuto ai quarti la bulgara Ivet Goranova 2-1 e al girone la spagnola Ruth Couso 4-0.

Erminia Perfetto (50 kg) è, invece, stata eliminata al Round Robin nonostante due ottime vittorie ai danni della slovacca Lucia Kovacikova per 8-6 e della polacca Maria Depta per 2-0. Il terzo incontro contro la portoghese Sara Leal, purtroppo perso per 2-0, le è costata l’eliminazione.

Nei 67 kg, invece, Luca Maresca non è partito per il Portogallo a causa di un infortunio.

Oggi sul tatami, con le fasi eliminatorie delle restanti categorie di peso del kumite e con il kata individuale maschile: Mattia Busato nel kata, Alessandra Mangiacapra (61 kg), Silvia Semeraro (68 kg), Clio Ferracuti (+68 kg) e Michele Martina (84 kg) nel kumite.

Ricordiamo che è possibile seguire lo streaming sul canale YouTube della WKF e le finali per l’oro, domenica, saranno trasmesse in diretta su Sky Sport Arena. (fijlkam.it)(foto@fijlkam)

Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport

ilfaroonline.it è su GOOGLE NEWS. Per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie, clicca su questo link e seleziona la stellina in alto a destra per seguire la fonte.