Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Guerra in Ucraina, raid contro una scuola nel Luhansk: 2 morti e 60 dispersi

La scuola era usata come rifugio e all'interno, momento del raid, si trovavano circa 90 persone

Kiev – Sirene antiaeree in quasi tutte le regioni dell’Ucraina nel 74esimo giorno di guerra con la Russia. Lo riferisce su twitter il Kyiv Independent. Dopo l’evacuazione di tutti i civili, si cerca intanto di portare in salvo i soldati rimasti nell’acciaieria Azovstal a Mariupol. “E’ molto difficile, ma importante. Non perdiamo la speranza, non ci fermiamo. Ogni giorno cerchiamo un’opzione diplomatica che possa funzionare”, ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

E si scava tra le macerie di una scuola colpita ieri in un attacco aereo delle truppe russe nella regione di Luhansk. Ci sarebbero almeno 60 dispersi. Lo ha riferito Serhiy Hayday, capo dell’amministrazione militare regionale, aggiungendo che 30 persone che si rifugiavano nella scuola sono state salvate. Di queste, sette sono rimaste ferite. I corpi di due persone sono stati trovati tra le macerie, ha detto Hayday in un post di Telegram oggi, aggiungendo che è “probabile che tutte le 60 persone rimaste sotto le macerie dell’edificio siano state uccise”. La scuola, che si trova nel villaggio di Bilohorivka, era usata come rifugio e all’interno, momento del raid, si trovavano circa 90 persone.

Sempre nella regione di Luhansk, undici le persone rimaste intrappolate sotto le macerie di un palazzo residenziale di due piani a Shypylivka, distrutto in un raid aereo russo. Al momento non ci sono vittime accertate del bombardamento notturno.

Il ministero degli Esteri di Kiev ha ”condannato fermamente” il raid aereo russo contro una scuola del villaggio di Bilohorivka nella regione di Luhansk, nell’Ucraina orientale. Si tratta di ”un brutale crimine di guerra che la Russia ha commesso alla vigilia del Giornata della Memoria e della Riconciliazione, ripetendo costantemente la tragedia della seconda guerra mondiale”, ha detto il ministero con un post su Twitter. (Fonte: Adnkronos)