Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Atletica, al Meeting di Savona scendono in pista le stelle olimpiche

Jacobs, Patta e Desalu nei 100 metri. Bogliolo per gli ostacoli

Savona – A 290 giorni dall’impresa leggendaria di Tokyo. A dodici mesi dal suo primo record italiano dei 100, proprio a Savona. Sulla pista della Fontanassa per la sesta volta in sette anni. Il Memorial Ottolia torna al centro del mondo grazie all’uomo più veloce del pianeta: alle 16.35 di mercoledì scattano le batterie dei 100 metri con il campione olimpico Marcell Jacobs (Fiamme Oro), nella specialità che lo ha reso eterno in Giappone con l’oro olimpico e il record europeo di 9.80. Flashback: era il 13 maggio del 2021 quando su questa stessa pista, in batteria, Jacobs volava al 9.95 del record italiano, spedendo un messaggio chiarissimo a tutti gli altri sprinter del globo. Un anno dopo, il velocista di Desenzano del Garda è un mito dello sport italiano, l’emblema della velocità mondiale con quattro ori consecutivi tra Giochi, Mondiali ed Europei, ma la riconoscenza verso Savona è tale che ha deciso di non mancare e di debuttare proprio sulla Riviera di Ponente, nonostante lo stop di Nairobi per i noti problemi gastrointestinali. Una scelta di cuore, come l’ha definita insieme al suo coach Paolo Camossi.

100 Metri – Tutti gli occhi sul campione olimpico dei 100. Ma ai blocchi di partenza, su uno dei due rettilinei a disposizione degli sprinter a Savona (si deciderà mezz’ora prima a seconda delle condizioni della giornata e della direzione del vento), andranno altri due ori olimpici. Lorenzo Patta (Fiamme Gialle) non ha ancora mai corso nel 2022: lo farà sulla pista che lo ha rivelato ad alti livelli con il 10.13 dello scorso anno, molto più che un’ipoteca su una frazione della 4×100, come poi effettivamente è stato. E con i risultati che tutti conoscono perfettamente. Fausto Desalu (Fiamme Gialle) si è invece misurato una volta con i 60 in inverno e di recente ha battuto la migliore prestazione italiana dei 150 (15.07). Anche per lui Savona fa rima con primato personale: 10.29 nel 2020. È il momento per togliere centesimi preziosi in prospettiva 200. Dal fronte internazionale, Jacobs ritrova il francese a cui ha sottratto il record europeo dei 100 Jimmy Vicaut, l’ivoriano spesso suo avversario nelle indoor Arthur Cissé, il francese Mouhamadou Fall, il cingalese Yupun Abeykoon (Nissolino Sport). Dal fronte interno, invece, il festival della velocità abbraccia anche il 19enne Matteo Melluzzo (Fiamme Gialle), Chituru Ali (Fiamme Gialle) fresco di 10.28, il ritrovato Giovanni Galbieri (Aeronautica), Wanderson Polanco (Atl. Riccardi Milano 1946), Antonio Moro (Delogu Nuoro). Finale alle 17.45.

Sprint e Mezzofondo – Non solo Jacobs. Il ricco cast allestito dall’organizzatore Marco Mura propone anche un 100 femminile di qualità con la sfida azzurra tra Zaynab Dosso (Fiamme Azzurre), Vittoria Fontana (Carabinieri), Gloria Hooper (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco), Aurora Berton (Libertas Friul Palmanova) e Johanelis Herrera (Aeronautica), a caccia della britannica Daryll Neita (10.93 di personale e finalista a Tokyo), dell’olandese Jamile Samuel e della svizzera Salomé Kora. In particolare c’è curiosità per la prova di Zaynab Dosso dopo gli enormi progressi della stagione indoor sui 60 fino al record italiano di 7.14. Neita (due bronzi olimpici e due argenti mondiali in staffetta) e Samuel sono attese anche sui 200 metri, distanza su cui apre la stagione la campionessa europea U23 Dalia Kaddari (Fiamme Oro), con la dominicana Marileidy Paulino argento olimpico dei 400, la britannica Beth Dobbin e Irene Siragusa (Esercito). Tra gli uomini il francese Amaury Golitin. Quattrocento al femminile con la britannica Ama Pipi e l’azzurra Raphaela Lukudo (Esercito), al maschile con il debutto stagionale di Catalin Tecuceanu (Atl. Silca Ultralite Vittorio Veneto) in preparazione dei suoi 800, ma anche con il duo delle Fiamme Azzurre, Brayan Lopez e Lorenzo Benati. Si gareggia anche negli 800: tra le altre, in pista Federica Del Buono (Carabinieri) dopo il miglio di sabato a Londra, e Joyce Mattagliano (Esercito), al cospetto della polacca sub 2:00 Angelika Sarna (1:59.72).

Ostacoli – Mai banali i 100 ostacoli di Savona, giardino di casa per Luminosa Bogliolo (Fiamme Oro) alla prima uscita sulla specialità dopo il record italiano di 12.75 centrato nel benedetto 1° agosto 2021. A sfidarla Elisa Di Lazzaro (Carabinieri), l’emergente Elena Carraro (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco) e le valide ostacoliste europee Luca Kozak (Ungheria), Reetta Hurske (Finlandia) e Sarah Lavin (Irlanda). Nei 400hs Ayomide Folorunso (Fiamme Oro), Eleonora Marchiando (Carabinieri) e Linda Olivieri (Fiamme Oro) si misurano con l’ucraina argento europeo Anna Ryzhykova. Hassane Fofana (Fiamme Oro) nei 110hs con il brasiliano Rafael Pereira in evidenza nelle indoor, Mario Lambrughi (Atl. Riccardi Milano 1946) e José Bencosme (Avis Barletta) nei 400hs con l’irlandese Thomas Barr.

In Pedana – Aria di ventidue metri. Lo ha detto la stagione indoor (Weir 21,99, Ponzio 21,83), lo ha ribadito la primavera (Ponzio 21,73 domenica a Rovereto). I pesisti azzurri sono ormai maturi per il definitivo salto di qualità: Zane Weir (Fiamme Gialle) inaugura a Savona il suo percorso verso i Mondiali di Eugene dopo il quinto posto delle Olimpiadi e il sesto della rassegna iridata al coperto, Nick Ponzio (Athletic Club 96 Alperia) lo prosegue dopo il gran lancio di Rovereto al rientro in Italia. Con loro, è il momento del debutto anche per Leonardo Fabbri (Aeronautica) che vuole tornare a brillare. Sebastiano Bianchetti (Fiamme Oro) e Riccardo Ferrara (Carabinieri) gli altri azzurri, il due volte iridato David Storl (Germania), il bosniaco Mesud Pezer e il francese Frederic Dagee i pesisti dall’estero. Nel triplo, tocca a Dariya Derkach (Aeronautica) alla “prima” outdoor dopo il 14,26 indoor e ad Ottavia Cestonaro (Carabinieri): sfida alla saltatrice di Dominica, Thea Lafond.

Star Paralimpiche – Ambra Sabatini (Fiamme Gialle), Martina Caironi (Fiamme Gialle), Monica Contrafatto (Gela Sport): da Tokyo a Savona, dalla tripletta paralimpica al nuovo confronto alla Fontanassa nei 100 metri T63. Con il trio azzurro in pista è sempre uno spettacolo e una festa di sport e di amicizia.

Diretta Tv – Il Meeting Internazionale Città di Savona-Memorial Giulio Ottolia, edizione n. 11, sarà trasmesso in diretta tv su Rai Sport mercoledì 18 maggio dalle 16 alle 18.20. Differita su www.atletica.tv

(foto@Colombo/Fidal)

Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport

ilfaroonline.it è su GOOGLE NEWS. Per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie, clicca su questo link e seleziona la stellina in alto a destra per seguire la fonte.