Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Mascherine in classe, solo in Italia sono obbligatorie ma per il Ministero “si possono togliere”

Il sottosegretario alla Salute: "Mi auguro che ci possa essere lo spazio per fare un ulteriore riflessione pur consapevole che siamo vicini alla scadenza dell'anno scolastico"

Roma – “Sono convinto che soprattutto durante le lezioni, quando i nostri ragazzi e i nostri bambini sono seduti al proprio posto, si possano togliere le mascherine e mi auguro che ci possa essere lo spazio per fare un ulteriore riflessione pur consapevole che siamo certamente ormai vicini alla scadenza dell’anno scolastico. Sarebbe un ulteriore segnale di fiducia ai cittadini. Mi auguro che si possa aprire una riflessione”. Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ospite questa mattina di SkyTg24.

L’Italia “è l’ultimo e unico Paese in Ue ad avere ancora l’obbligo della mascherina a scuola. E’ anacronistico e fuori dal tempo”, il commento di Matteo Bassetti, direttore Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, che ritorna sulle polemiche per la proposta della Lega di togliere l’obbligo delle mascherina a scuola. “E’ giusto portare avanti un obbligo quando siamo sicuri che ci sia una efficacia nel ridurre la trasmissione – precisa Bassetti – Ma non è questo il caso. Non è possibile stabilire se questi dispositivi di protezione abbiano effettivamente ridotto la trasmissione del virus. Lo dico perché non c’è nessuna evidenzia scientifica che lo abbia stabilito rispetto alla vaccinazione, al lavaggio delle mani o al distanziamento”.

“Chi afferma che è la scienza a dire che serve l’obbligo della mascherina a scuola – avverte – dice una eresia: nessuno studio ha affermato che le mascherine da sole hanno ridotto la trasmissione”. Secondo Bassetti, “le Ffp2 usate in maniera molto rigorosa possono ridurre un minino la trasmissione del virus, ma quanti studenti – si chiede – le usano in modo corretto? Le cambiano ogni 6 ore? Pochi”.

“La polemica ‘pro mask’ e ‘no mask’ non giova a nessuno. Non è un problema del caldo o del freddo, avendo levato l’obbligo della mascherina per molte attività è davvero fuori dal tempo dire che a scuola servono”, conclude l’infettivologo. (fonte Adnkronos)