Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Fiumicino, taglio del nastro per la nuova area di imbarco. Mattarella: “Da qui riparte il futuro dell’Italia”

Taglio del nastro per il nuovo Molo A, alla presenza del Capo della Stato. Mattarella: "Un segno di fiducia nel futuro". Montino: "Adesso la priorità devono essere i diritti, i sogni e la dignità dei lavoratori"

Fiumicino – Festa grande all’aeroporto di Fiumicino, dove, alla presenza del Presidente della Repubblica, è stata inaugurata la nuova area di imbarco del pluripremiato scalo internazionale: il molo A. Realizzata su una superfice di circa 37mila metri quadri, è una testimonianza dell’eccellenza italiana da un punto di vista ingegneristico e architettonico: il molo A, i cui lavori sono partiti del 2017 (e frenati dalla pandemia) è stato completato impiegando con massima efficienza il sedime aeroportuale (ovvero senza consumo di suolo aggiuntivo) e realizzata facendo ricorso alle migliori competenze del Paese.

mattarella aeroporto

Si tratta di un’infrastruttura all’avanguardia per soluzioni innovative e di tutela ambientale che potrà ospitare presso lo scalo di Fiumicino ulteriori 6 milioni di passeggeri l’anno in partenza, grazie ai 23 nuovi gate, di cui 13 dotati di pontili per l’imbarco. Totale complessivo dell’investimento? 400 milioni di euro.

Destinata ai voli Schengen e domestici, la nuova area di imbarco è stata inaugurata dal presidente di AdR, Claudio De Vincenti, che ha tagliato il nastro, alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e dell’Ad di AdR, Marco Troncone. Presenti, tra gli altri, il Presidente dell’Enac, Pierluigi Di Palma, il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, il governatore Zingaretti, il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini. Ad assistere alla cerimonia anche il Presidente di Atlantia, Giampiero Massolo insieme all’Amministratore Delegato di Atlantia, Carlo Bertazzo.

Un’opera che garantisce oltre 100 nuovi posti di lavoro, dando così una risposta concreta alla crisi del settore dovuta alla pandemia, come auspicato dallo stesso Mattarella. Parole, quelle del Capo dello Stato, ricordate dal presidente dell’Enac durante il suo intervento, citando le parole di Papa Francesco che proprio pochi giorni fa ha ricevuto in udienza in Vaticano i lavoratori dell’aviazione civile (leggi qui). In quell’occasione il Pontefice aveva espressamente lanciato un appello per garantire ai dipendenti di aeroporti e compagnie aeree “un lavoro stabile e dignitoso”. Tema, questo, al centro degli interventi dei politici locali. Il sindaco Montino ha ricordato infatti che attorno allo scalo internazionale gravitano centinaia di famiglie del territorio (su 43mila lavoratori dell’aeroporto oltre la metà vive nella cittadina del litorale), molte delle quali “hanno pagato un prezzo altissimo con la pandemia. Adesso la priorità devono essere i diritti, i sogni e la dignità dei lavoratori”.

Montino, rivolgendosi a Mattarella, non risparmia stoccate e delusione per la perdita di Alitalia: “Ita non la rimpiazzerà. Abbiamo un nu vuoto che ora altri riempiranno con i loro interessi, lasciando il nostro Paese senza una compagnia di bandiera”.

Ma ora, tra Pnrr, Giubileo e (si spera) Expo 2030, il territorio di Roma e Fiumicino è chiamato a una sfida che è allo stesso tempo, come sottolineato da Gualtieri, “un’occasione di crescita e di rilancio, ma anche di responsabilità”. Dello stesso avviso il governatore Zingaretti, che, ricordando l’importanza delle locande per viaggiatori e pellegrini, parla del nuovo imbarco come di “un esempio di rinascita di cui abbiamo bisogno. Ora bisognerà continuare a lavorare per garantire sempre più servizi”. Gualtieri e Zingaretti non hanno dubbi: “l’obiettivo, infatti, è quello di inserire l’aeroporto al centro di una rete di intermobilità eccellente che comprende aeroporti, stazioni, treni, metropolitane, ma anche autostrade ed elicotteri-taxi”.

Non solo lavoro, dunque, ma anche innovazione e sostenibilità. Parole, queste ultime, che oltre a segnare la road map di AdR, per il ministro Giovannini, dovranno guidare l’Italia, “un Paese ospitale e aperto in cui passato e presente si uniscono. Siamo una una fase di invenzione del futuro – ha detto -, e nei prossimi anni restaureremo non solo porti e aeroporti, ma anche stazioni e copieremo il modello di Fiumicino”, dove sono esposte anche opere dell’antica Roma provenienti dal parco archeologico di Ostia Antica.

Applausi per l’intervento del Capo dello Stato, che ha sottolineato come “la ripresa post-Covid non è velocissima. Ma va ricordato che in questi ultimi due anni di pandemia non sono stati di paralisi, bensì molto operosi, come testimonia questa infrastruttura. L’inaugurazione di quest’area è un segno importante della ripresa coltivata in questi due anni”. Gli aeroporti, ha aggiunto a braccio Mattarella, “non sono semplici aerostazioni, ma luoghi dove si accolgono e si presentano opere d’arte, come quelle di Ostia Antica. Il molo A dev’essere quindi una spinta per il riassetto territoriale del Paese e per Roma, cui attendono le importanti sfide del Giubileo e (ci auguriamo) dell’Expo 2030”.

“L’infrastruttura che inauguriamo oggi è un simbolo: una testimonianza del valore dell’Italia, che non si ferma nonostante le difficoltà e riparte con coraggio e visione”, le parole dell’Amministratore Delegato di Aeroporti di Roma, Marco Troncone. “Con l’apertura dell’area d’imbarco A, assicuriamo il nostro concreto contributo alla ripartenza del Paese, preparandoci ad affrontare le prossime occasioni di rilancio, come il Giubileo 2025 e la candidatura di Roma a Expo 2030, che offrono all’Italia e alla sua Capitale la possibilità di riaffermare il proprio ruolo centrale nel panorama internazionale. In questo contesto, vogliamo che Fiumicino continui a essere un eccellente biglietto da visita: la porta d’ingresso dell’Italia a prova di futuro. La nuova area d’imbarco A fa parte di un più ampio programma che prevede investimenti di 10 miliardi di euro – di cui 2 già spesi – fino a fine concessione, per sostenere la connettività internazionale del Paese e continuare ad alimentare, in misura sempre crescente, l’indotto socio-economico, al contempo anticipando la necessaria transizione ecologica e digitale insieme alle migliori eccellenze italiane e internazionali”

“ADR rappresenta uno dei gioielli del nostro Gruppo. Nel giro di pochi anni, ha trasformato Fiumicino nell’hub europeo in assoluto più apprezzato dai passeggeri per qualità dei servizi, investendo oltre 2 miliardi di euro in infrastrutture e nuove tecnologie, ha detto il Ceo di Atlantia, Carlo Bertazzo. “Lo scalo – ha proseguito – opera sulla base di un piano di sviluppo fortemente sostenibile e fa parte dei 10 aeroporti internazionali che hanno ricevuto il più alto livello di certificazione Airport Carbon Accreditation e che saranno in grado di azzerare le proprie emissioni entro il 2030. La nuova Area di Imbarco A inaugurata oggi, che fa seguito all’Area E aperta a fine 2016, è una porta sul futuro dell’intero settore aeroportuale: la sua progettazione è interamente “made in Italy” e consente di offrire a passeggeri e compagnie aeree una piattaforma competitiva e di altissima qualità. Come azionisti di AdR, siamo davvero lieti di poter fare la nostra parte per favorire la ripresa del settore turistico e aeronautico. Il mio sentito ringraziamento oggi va al management della società e a tutti i lavoratori dello scalo che anche in questi due anni difficili non si sono mai fermati: solo attraverso il coraggio e una grande passione è possibile ottenere questi risultati straordinari” ha concluso Bertazzo.

La struttura

L’opera si compone di due grandi strutture, tra loro connesse mediante un corpo di collegamento lungo il quale sono esposte 7 capolavori originali provenienti dal Parco archeologico di Ostia antica per promuovere la classicità romana e la conoscenza del valore storico-artistico del territorio dove opera l’aeroporto di Fiumicino: un innovativo molo dedicato ai voli verso destinazioni Schengen e domestiche, che consente l’attracco dei più moderni aeromobili disponibili, e un’esclusiva galleria commerciale con oltre 6.000 mq di spazi dedicati a retail e food & beverage d’eccellenza. Servizi di eccellenza, in linea con il primato raggiunto da ADR nell’apprezzamento dei passeggeri, certificato dall’ente internazionale Airport Council International e ottenuto dallo scalo romano per ben 5 anni di seguito.

Il molo per gli imbarchi e sbarchi

Sono oltre 100 le destinazioni Schengen e domestiche raggiungibili dalla nuova infrastruttura, che è dotata di 23 gate, di cui 13 con pontile di imbarco. Il significativo numero di finger comporterà fin da subito una notevole riduzione dell’uso degli autobus in pista, con benefici sia sulla qualità del servizio che sulla riduzione di emissioni. Tutti i gate inoltre sono dotati di nuova tecnologia “self-boarding”, che consente al passeggero di eseguire autonomamente e in velocità le procedure di imbarco. Il Molo A ha dimensioni di 38 x 254 m circa e si articola su tre livelli di cui uno interrato, per un’altezza complessiva di circa 20 m. Gli interventi sono stati progettati prediligendo il contributo dell’illuminazione naturale, con grandi vetrate lucernarie inserite in copertura, simili a veri e propri oblò. Per dare un’idea delle dimensioni dell’Area di Imbarco A, basti pensare che l’insieme delle superfici vetrate è pari a oltre 11.000mq, spazio equivalente a 15 piscine olimpioniche. Inoltre, il progetto ha definito assetti ed allestimenti delle aree interne di circolazione e sosta, tali da favorire le più confortevoli relazioni tra il passeggero e l’ambiente. Sulla copertura è stato inoltre realizzato un impianto fotovoltaico con pannelli in silicio monocristallino, che alimenteranno l’infrastruttura. L’operatività del molo inizierà domani: il primo volo di Ita Airways partirà alle 07.00, diretto a Milano Linate.

La Galleria commerciale

Lo spazio commerciale ha una lunghezza massima di circa 166 m e una larghezza variabile da 30m a 45m circa con una superficie, compreso il piano superiore, di oltre 6.000 mq., l’equivalente di 10 campi da tennis. Al livello partenze l’offerta al passeggero è varia e si compone di punti vendita, retail e food&beverage; servizi a disposizione dei passeggeri quali nursery, playground, smoking cabine, etc. Complessivamente sono presenti 21 negozi con il meglio dell’offerta disponibile sul mercato per shopping e food. Al livello superiore, presso il mezzanino del Terminal 1, è stata attivata un’area food con format “mercato”, cioè dove si scelgono le pietanze che vengono cucinate all’istante, e a stretto giro saranno disponibili anche Vip Lounge e aree work. Anche sulla copertura della galleria commerciale è stato installato un impianto fotovoltaico.

L’impronta “green”

Il concept architettonico dell’area è stato realizzato mediante l’uso delle più avanzate tecnologie edilizie e dei migliori standard di tutela ambientale. Tutto il progetto, di notevole pregio architettonico, è “made in Italy”, in quanto è stato sviluppato dallo staff di architetti e ingegneri di ADR Ingegneria. Le forme classiche, unite alla trasparenza e al massimo impiego di luce naturale, forniscono al passeggero l’impressione di trovarsi al centro delle piste. Inoltre, per il Molo A è in corso la certificazione secondo il protocollo Internazionale “Leed” – (Leadership in Energy and Enviromental Design) livello Gold per la progettazione, la costruzione e la gestione di edifici sostenibili. Questo livello di certificazione denota come l’infrastruttura sia stata concepita e realizzata per avere un impatto ambientale assolutamente ridotto. Un’attenzione particolare è stata prestata agli impianti e alle materie prime, in ottica green, con sistemi per il trattamento climatico tramite pannelli radianti a pavimento, controllo dei parametri di temperatura e umidità in ambiente, anche attraverso la rilevazione integrata dell’affollamento delle aree, che consentiranno un significativo contenimento dei consumi energetici. Le esigenze di progettazione “green” hanno trovato applicazione anche nella scelta dei materiali e dei componenti di arredo; tutta l’illuminazione artificiale è stata, infatti, realizzata con innovative tecnologie LED tali da ricreare sulle volte del soffitto un vero e proprio effetto “cielo stellato”.

L’arte e la cultura salutano i passeggeri

Lungo il corpo di collegamento verso il Molo A , i passeggeri potranno ammirare sculture e pitture di età romana lungo il percorso espositivo “Uomini e dei a Ostia antica”, un progetto scientifico curato dal Parco archeologico di Ostia antica con il supporto logistico di AdR. Tale progetto che unisce idealmente il waterfront imperiale Ostia-Portus, sistema portuale per merci e persone capace di collegarsi con tutto il mondo allora conosciuto, con la mission attuale degli Aeroporti di Roma. Le sette opere in mostra (statua di Apollo, statua di Sabina come Cerere, due statue di Ninfe, due affreschi con cavaliere e con coppia di coniugi, gruppo scultoreo dei lottatori) sono rappresentative del panorama artistico e figurativo dell’antica colonia romana, provenendo da contesti monumentali urbani e dal territorio della città (Terme di Nettuno, Teatro, Necropoli di Porto all’Isola Sacra). E’ la stessa area che, oggi, ospita il Leonardo da Vinci, principale centro di snodo del traffico passeggeri in Italia e tra i maggiori hub europei.
Questa nuova installazione artistica si aggiunge a quella già presente nell’area di imbarco E, intitolata «Le immagini del tempo» e che vede esposte sei opere di età romana, cinque sculture e uno splendido mosaico, tutte provenienti dagli scavi di Ostia antica e dalla Necropoli di Isola Sacra.

Al Molo A è esposta anche un’opera dell’artista Marco Lodola dal titolo: “Deti” che si ispira alla parola in cirillico “bambini” e vuole essere un richiamo alla pace. L’opera, donata dall’autore ad Aeroporti di Roma, rappresenta un omaggio alla famosa colomba di Picasso e i colori ricordano quelli della bandiera della pace.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Aeroporto di Fiumicino
ilfaroonline.it è su GOOGLE NEWS. Per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie, clicca su questo link e seleziona la stellina in alto a destra per seguire la fonte.
ilfaroonline.it è anche su TELEGRAM. Per iscriverti al canale Telegram con solo le notizie di Fiumicino, clicca su questo link