Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Ciclismo, Girmay: “Triste per il ritiro dal Giro d’Italia.. ci vediamo presto”

Il corridore eritreo ha vinto la tappa di Jesi scrivendo la storia

Più informazioni su

Verso Reggio Emilia senza di lui. L’assente, che il giorno prima aveva trionfato scrivendo la storia e provocando la festa in tutti i paesi africani collegati, ha dovuto abbandonare il Giro d’Italia. E’ accaduto ieri a causa dei festeggiamenti che avevano visto Biniam Girmay sorridente e felice sul podio di Jesi. L’eritreo per la prima volta nella storia ha portato l’Africa in cima al Giro d’Italia, regalando al suo paese e a un intero Continente la firma in competizione.

Ma il colpo ricevuto all’occhio a causa del tappo di champagne stappato lo ha costretto al ritiro e ieri non ha gareggiato insieme alla carovana rosa del ciclismo. In ospedale per accertamenti mentre il Giro ripartiva da Jesi e raggiungeva Reggio, ha salutato tutti. Già qualche ora gli organizzatori lo avevano annunciato su Twitter: “Bini ti aspettiamo presto sulle nostre strade”. Erano state le parole sui social. Lui ha risposto così qualche ora dopo con un breve video: “Grazie al mio team, a tutto lo staff per il supporto che mi ha dato prima e dopo l'incredibile tappa di ieri".

Anche lui ha affidato a Twitter i suoi pensieri di gioia e di tristezza insieme. Nel video l'occhio sinistro colpito non è bendato e sembra in buone condizioni. Girmay ha spronato i compagni a conquistare altri successi, ha ringraziato tutti i tifosi che hanno dimostrato affetto ma ha detto: “Sono un po’ triste per il ritiro, ma anche felice perché l'incidente non ha avuto conseguenze gravi.

"Arrivederci presto" ha concluso il messaggio di Biniam.

 

(foto@Girod'Italia-Facebook)

Il Faro online - Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport

ilfaroonline.it è su GOOGLE NEWS. Per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie, clicca su questo link e seleziona la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

 

 

 

Più informazioni su