Seguici su

Cerca nel sito

1500 al quinto posto mondiale, Quadarella: “Un incubo.. non ero io in finale”

L’azzurra lascia lo scettro a Katie Ledecky, già oro olimpico

Più informazioni su

Simona Quadarella scivola fuori dal podio mondiale dopo il bronzo alla Duna Arena del 2017 e il successo a Gwangju 2019. La 23enne romana non va oltre il quinto posto in 16’03″84 (2’03″65 ai 200, 4’10″61 ai 400, 8’28″28 agli 800, 12’51″17 ai 1200) ai Mondiali di Budapest, come alle Olimpiadi di Tokyo e restituisce la corona alla primatista mondiale Katie Ledecki, campionessa olimpica ed imbattuta ai mondiali dal 2013 che in Corea del Sud dovette rinunciare alla finale per un’improvvisa dissenteria.

La 25enne di Washington vince il diciassettesimo oro iridato della carriera dominando in 15’30″15 (2’00″04, 4’04″25, 8’13″06, 12’24″20 ai 1200) e bissa il successo nei 400 di sabato.

La regina del mezzofondo europeo, autrice del triplete 400-800-1500 sia a Glasgow 2018 sia a Budapest nella primavera del 2021, non entra mai in zona podio, con l’altra statunitense Katie Grimes (15’44″89) e l’australiana Lani Pallister (15’48″96) che si sfidano fino ai 1000 metri prima di definire le posizioni.

“Purtroppo ero irriconoscibile fin dall’inizio – ammette l’atleta seguita dal tecnico Christian Minotti – Mi sembra di vivere un incubo. In batteria avevo nuotato bene e anche in allenamento avvertivo buone sensazioni. Il podio era sicuramente alla mia portata. Adesso devo resettare e pensare agli 800 sperando in un esito diverso”, conclude la vice campionessa degli 800 stile libero, nonché bronzo olimpico. (federnuoto.it)(foto@DeepBlueMedia)

Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport

ilfaroonline.it è su GOOGLE NEWS. Per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie, clicca su questo link e seleziona la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

 

Più informazioni su