Seguici su

Cerca nel sito

Roma, pusher bloccato da un carabiniere prova a ingoiare la droga e poi gli morde una mano

Il 18enne era stato notato aggirarsi con fare sospetto durante un blitz antidroga dei carabinieri

Roma– Prosegue costantemente l’attività antidroga dei carabinieri della Stazione di Roma Tor Bella Monaca che, coordinati dalla Procura della Repubblica di Roma, tra le note “piazze” di spaccio del quartiere hanno arrestato 4 persone gravemente indiziate, a vario titolo, di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nella tarda serata di ieri, 1 luglio 2022, i carabinieri hanno notato un 18enne romano, aggirarsi con fare sospetto nei pressi di via G. B. Scozza. Una volta raggiunto dai militari, il giovane, al fine di evitare di essere identificato, in un primo momento ha cercato di ingoiare lo stupefacente e successivamente dopo aver spintonato uno dei due militari intervenuti, lo ha morso alla mano. Dopo averlo messo in sicurezza è stato perquisito e trovato in possesso di 5 dosi di cocaina per un peso di circa 4 grammi.

Nella notte, sempre nei pressi della stessa piazza, i militari hanno arrestato un cittadino tunisino di 40 anni, già con precedenti e in atto sottoposto alla misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Roma. L’uomo si aggirava con fare sospetto quando i militari lo hanno fermato e perquisito e trovato in possesso di 6 dosi di cocaina del peso di circa 3 grammi e della somma contante di 100 euro, ritenuta provento della pregressa attività di spaccio.

Nel pomeriggio invece, i carabinieri hanno arrestato un 31enne, già sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo della presentazione alla PG, e un 20enne, già con precedenti, entrambi romani e senza occupazione, fermati dopo essere stati notati, in due momenti distinti, mentre si aggiravano con fare sospetto nei pressi di via dell’Archeologia. A seguito delle rispettive perquisizioni personali, il primo è stato trovato in possesso di un involucro contenente ben 45 dosi di cocaina, per un peso di oltre 20 grammi e di una sola dose di crack, nonché della somma contante di 450 euro, ritenuta provento dell’illecita attività, il 20enne invece con 25 dosi di cocaina, per un peso di oltre 13 grammi.

I quattro sono stati poi condotti presso le aule del Tribunale di piazzale Clodio dove, ad esito del rito direttissimo, i loro arresti sono stati convalidati.

Per dovere di cronaca, e a tutela di chi è indagato, ricordiamo che un’accusa non equivale a una condanna, che le prove si formano in Tribunale e che l’ordinamento giudiziario italiano prevede comunque tre gradi di giudizio.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Roma Città Metropolitana
ilfaroonline.it è su GOOGLE NEWS. Per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie, clicca su questo link e seleziona la stellina in alto a destra per seguire la fonte.
ilfaroonline.it è anche su TELEGRAM. Per iscriverti al canale Telegram con le notizie dall’Italia e dal mondo, clicca su questo link