Seguici su

Cerca nel sito

“Lenzuolo bianco”, a Gaeta il corteo-protesta dei cittadini per chiedere un quartiere “più vivibile” foto

I manifestanti: "Siamo fiduciosi che ciascuno contribuirà ad avere un quartiere medievale che sia luogo di divertimento ma anche di serenità"

Più informazioni su

Gaeta – Domenica sera, come da programma, si è svolta la manifestazione pacifica “lenzuolo bianco” con la quale cittadini del quartiere storico hanno voluto sensibilizzare amministrazione, esercenti ed avventori ad un dialogo proficuo che porti a regolamentare la movida nel quartiere.

“Gli esercenti hanno tutto il diritto di lavorare e noi non possiamo che esserne felici, in quanto contribuiscono a rendere Gaeta una meravigliosa città turistica – hanno dichiarato i manifestanti -. Gli avventori hanno voglia e diritto a divertirsi e siamo orgogliosi anche di questo, ma tutto ciò non può essere fatto a danno dei residenti che si vedono costretti a non potere entrare ed uscire liberamente dalle proprie abitazioni, non poter spostare le proprie autovetture causa parcheggi, ma soprattutto non avere il diritto di poter riposare e dormire fino alle 03,00/ 04,00 del mattino”.

Durante il corteo molti sono stati i cittadini che hanno chiesto il significato di quanto riportato sui teli, e molte sono state le risposte di condivisione e supporto all’iniziativa.

“Siamo certi che  – hanno concluso i manifestanti – lo spirito di collaborazione e non di rottura, dei ‘Condomini’ verso tutti gli attori sia ben chiaro, e siamo fiduciosi che ciascuno contribuirà in modo attivo e proficuo per arrivare ad avere un quartiere medievale che diventi per tutti luogo di divertimento ma anche di serenità“.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Gaeta
ilfaroonline.it è su GOOGLE NEWS. Per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie, clicca su questo link e seleziona la stellina in alto a destra per seguire la fonte.
ilfaroonline.it è anche su TELEGRAM. Per iscriverti al canale Telegram con solo le notizie di Gaeta, clicca su questo link

Più informazioni su