Seguici su

Cerca nel sito

Pugnalato lo scrittore Salman Rushdie, è grave: rischia di perdere un occhio

Arrestato l'aggressore è 24enne simpatizzante dei gruppi sciiti estremisti e dei Guardiani della rivoluzione islamica

New York – Salman Rushdie, il famoso scrittore che ieri è stato attaccato e pugnalato almeno due volte mentre stava tenendo una lettura nello stato di New York, è stato operato d’urgenza e dalla notte scorsa è attaccato ad un respiratore, non riesce a parlare e potrebbe perdere un occhio. Lo ha detto il suo agente, Andrew Wylie, al New York Times.

Chi è l’aggressore

E’ nato 24 anni in California, ma recentemente si è trasferito in New Jersey, Hadi Matar l’uomo di 24 anni che ieri ha pugnalato, ferendolo gravemente, lo scrittore Salman Rushdie. Secondo quanto reso noto dalla polizia, è residente a Fariview ma gli agenti che l’hanno arrestato lo hanno trovato in possesso di una patente falsa del New Jersey.

Stando alle prime analisi dei suoi account sui social media, Matar appare un simpatizzante dei gruppi sciiti estremisti e dei Guardiani della rivoluzione islamica, riferiscono fonti investigative a Nbcnews. Anche se non vi sono ancora prove di un legame direttore con i pasdaran, dai social media emerge la figura di un loro entusiasta sostenitore. Inoltre nel suo cellulare, gli inquirenti avrebbero trovato delle foto di Qassem Solemani, lo storico comandante a capo delle operazioni più segrete dei Guardiani della Rivoluzione, ucciso in un raid americani a Baghdad nel 2020.

Il 75enne scrittore diventò famoso in tutto il mondo con il suo libro “I figli della mezzanotte” nel 1981. Ma per il suo libro successivo “I versetti satanici” fu condannato a morte una ‘fatwa” del leader supremo iraniano, l’ayatollah Khomeini, pronunciata il 14 febbraio 1986, con cui l’Iran offriva anche 3 milioni di ricompensa a chi l’avesse assassinato.

La patente falsa in possesso di Matar – che viene descritto da fonti non ufficiali come di origine libanese – è intestata a Hassan Mughniyah, secondo alcuni un riferimento a Imad Mughniyah, comandante di Hezbollah ucciso nel 2008. (fonte: Adnkronos)

ilfaroonline.it è su GOOGLE NEWS. Per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie, clicca su questo link e seleziona la stellina in alto a destra per seguire la fonte.
ilfaroonline.it è anche su TELEGRAM. Per iscriverti al canale Telegram con le notizie dall’Italia e dal mondo, clicca su questo link.