Seguici su

Cerca nel sito

Le notizie dal territorio

Articolo Redazionale

Cinque domande sugli e-commerce di cannabis light

Nel momento in cui li si chiama in causa, sono tante le domande che li riguardano, che arrivano soprattutto da persone che hanno poca dimestichezza con questo mondo.

Sono passati quasi cinque anni da quando, nel gennaio 2017, è entrata in vigore la Legge 242/2016. Questo testo normativo ha introdotto nella nostra vita quotidiana la cannabis light. Di cosa si tratta? Della cannabis modificata in modo da avere un bassissimo contenuto di THC, pari allo 0,2% massimo (per essere precisi, è il caso di ricordare che il legislatore ha messo in primo piano una vera e propria soglia di tolleranza, rendendo, di fatto, legale la cannabis con un contenuto di principio psicoattivo pari allo 0,6%).

Da quando il testo normativo sopra citato è entrato in vigore, è nato un business a dir poco fiorente, con un giro d’affari di diverse centinaia di milioni di euro all’anno. Questi numeri sono realtà grazie agli e-commerce in particolare. Il mondo in questione è ricco di alternative. Cbdmania è lo shop più visitato in Italia, ma ne esistono tanti altri. Nel momento in cui li si chiama in causa, sono tante le domande che li riguardano, che arrivano soprattutto da persone che hanno poca dimestichezza con questo mondo. Scopriamo assieme, nelle prossime righe, alcuni interrogativi.

Gli shop di cannabis light sono accessibili ai minorenni?

No, gli shop online di cannabis light non sono accessibili ai minorenni. A dimostrarlo ci pensa il banner che compare sulla home, e che blocca la navigazione nel caso in cui l’utente dovesse flaggare, tra le due opzioni presentate, quella della minore età.

I negozi online di cannabis light vendono solo articoli per fumatori?

Uno dei luoghi comuni più diffusi quando si parla di cannabis light riguarda il pensiero – che ripetiamo non ha nulla di fondato – che vede in primo piano l’associazione tra la pianta e l’atto del fumare. Chi ha questa convinzione, pensa che sugli shop online sopra citati siano disponibili solo articoli per fumatori. Bene: non è affatto vero!

Gli e-commerce di cannabis light “nascondono” un vero e proprio mondo. Ci si possono trovare le infiorescenze, ma anche l’olio di CBD a uso umano, così come i prodotti destinati ai nostri amici animali. Questi ultimi non hanno effetti collaterali, ma andrebbero assunti solo dopo aver consultato il proprio veterinario di fiducia.

Gli shop di cannabis light vendono prodotti psicoattivi?

Assolutamente no! Nel momento in cui si chiama in causa la cannabis light legale, infatti, si inquadra una pianta che, in virtù della bassissima percentuale di THC, non ha effetti psicoattivi. Nonostante questo, è bene evitare di assumere i prodotti prima di mettersi alla guida. Le quantità di THC, seppur basse, vengono comunque rilevate dagli strumenti utilizzati dalle Forze dell’Ordine.

I negozi online di canapa legale offrono la consegna con pacco anonimo?

La risposta è affermativa. Gli e-commerce di cannabis light, da sempre, hanno mostrato un’attenzione importante alla riservatezza dei clienti, con ovvi vantaggi per l’immagine dei singoli brand e con ripercussioni positive sulla fidelizzazione.

Gli e-commerce di cannabis light forniscono informazioni scientifiche?

Chi si approccia per la prima volta al mondo della cannabis light cerca, per ovvi motivi, informazioni scientifiche sulla pianta. Gli e-commerce sono una fonte valida? Dal momento che, come già detto, al centro dell’attenzione c’è un tema di per sé nuovo, gli imprenditori del settore si sono attrezzati per fornire al proprio target le sopra citate informazioni, curandone la presentazione in modo da renderle fruibili.

Quasi tutti gli e-commerce di cannabis light di livello, infatti, sono caratterizzati dalla presenza di un blog. Gli articoli che caratterizzano ciascuno di questi spazi sono sì una risposta alle ricerche online degli utenti – in questo modo, si ottimizza il posizionamento – ma anche e soprattutto una fonte di informazioni di qualità, con dati provenienti da studi scientifici che sono stati effettuati nel corso degli ultimi anni sulla cannabis light.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Faro Online, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.