Seguici su

Cerca nel sito

Le notizie dal territorio

Articolo Redazionale

Come mangiare quando si ha la pancia gonfia

Le cause possono essere molteplici ma non serve preoccuparsi: le più comuni possono essere legate a semplici intolleranze

Di certo sarà capitato a tutti di sentirsi appesantiti dopo un pranzo o una cena ricca di portate, specialmente in occasione di festività e avvenimenti importanti; quando avviene saltuariamente, non c’è da temere, il problema può passare dopo poche ore o l’indomani, ma se persiste occorre rimediare. La pancia gonfia denota una reazione a qualcosa che sta sforzando il nostro stomaco. Le cause possono essere molteplici ma non serve preoccuparsi: le più comuni possono essere legate a semplici intolleranze e non a problematiche più serie. Sebbene recarsi da uno specialista risulti sempre l’opzione migliore per appurare la reale motivazione che si cela dietro questo problema, non mancano comunque le accortezze per prendersi cura di sé stessi nella routine di tutti i giorni. Abbiamo alcuni consigli preziosi e solitamente efficaci per la pancia gonfia ma consigliamo di valutare di andare dal proprio medico qualora non doveste avere alcun riscontro.

Bilanciare la dieta

I primi passi per combattere il gonfiore addominale non potevano che riguardare l’alimentazione; infatti diversi ingredienti sono rinomati per contribuire al problema. Un errore comune, ad esempio, quando si cerca di perdere peso, è l’eccessivo consumo di verdure che può far male e causare più di semplici fastidi. La colite è una delle problematiche più comuni quando si esagera, per cui variare i propri consumi di ogni cibo risulta ideale sia per evitare di stare male che per dimagrire nel modo più corretto.

L’insalata può sembrare la soluzione ideale per pulire lo stomaco, ma non andrebbe consumata quotidianamente come si crede; per ogni alimento occorre moderazione, infatti è possibile trovarsi a soffrire di pancia gonfia con una dieta simile.

Non si direbbe ma lo stesso vale anche per la frutta; nonostante aiuti il nostro corpo a depurarsi, grazie a vitamine e sali minerali che contribuiscono ad eliminare le tossine dallo stomaco, sono pur sempre alimenti che lievitano, per questo in molti lamentano gonfiore addominale e meteorismo dopo eccessivi consumi.

Moderazione e varietà

Non eliminate decine e decine di alimenti ritrovandovi a consumare sempre le stesse cose: al corpo non dovrebbe mancare nulla e privarlo da un giorno all’altro, ad esempio, di carboidrati, non contribuirà a farvi stare meglio. Sicuramente potrete fare a meno di bere birra e alcolici in generale, oppure sostituire alimenti con zuccheri raffinati con altri più leggeri per lo stomaco. Insomma, un’alternativa si trova sempre. Basti pensare ai diversi prodotti a base di farina integrale che costituiscono per molti la prima scelta quando si tratta di pasta e pane; persino i grandi marchi industriali, da Barilla a Mulino Bianco, si sono adattati a questa nuova tendenza, per cui non ci sono più scuse. Al supermercato è facile trovare prodotti a base di farina di segale, cereali, mais, tutti certamente più adatti a chi vuole contrastare il gonfiore addominale rispetto al grano.

Variare risulta dunque il modo migliore per moderare tutti i consumi, evitando di conseguenza di eccedere con certi alimenti.
Altra parentesi importante riguarda il lattosio (da non confondere con i fermenti lattici); in molti sviluppano un’intolleranza da non sottovalutare col passare degli anni, non riuscendo a digerirlo. Occorre valutare anche questa ipotesi, magari evitando per un breve periodo il consumo di formaggi e altri prodotti contenenti latte e derivati per comprendere se possa essere colpevole del gonfiore.

Gli alimenti che sgonfiano

Tra i rimedi per la pancia gonfia non mancano alcuni alimenti specifici; in particolare, vi consigliamo di fare scorta di finocchio. Ideale a crudo da consumare con un filo di olio extravergine di oliva ma gustoso anche bollito e cotto al forno con del pangrattato per conferirgli un tocco di croccantezza, è composto soprattutto di acqua e ha pochissime calorie. Le sue proprietà depurative lo rendono perfetto per essere consumato anche sotto forma di tisane e integratori. Essendo ricche di fibre, aiuta a sentirsi facilmente sazi e agevola la digestione.

Altro alimento ideale per sgonfiare lo stomaco è lo zenzero; a molti non piace per il suo sapore forte che “pizzica” il palato, ma può essere anche impiegato per conferire un leggero aroma a delle bevande fresche o grattugiato in minima quantità su diverse pietanze. Per gli amanti di tè e tisane, consigliamo di aggiungerne qualche scaglia nella tazza prima di versare l’acqua calda.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Faro Online, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.