Seguici su

Cerca nel sito

Le notizie dal territorio

Articolo Redazionale

Consigli per prevenire le carie

Quando i denti sono sani, è impossibile che i batteri si diffondano.

Cosa si può fare per una corretta ed efficace prevenzione delle carie? I comportamenti giusti da adottare iniziano già quando si mangia a tavola, come ci spiegano i professionisti di Studiodentalric Roma, a cui abbiamo chiesto quali sono gli accorgimenti che vale la pena di mettere in pratica per curare i propri denti.

Anche quello che si mangia è importante?

Sì, e il nostro consiglio è quello di aumentare la quantità di frutta e di verdura cruda che si mangia. Per esempio, sia la carota che il sedano contribuiscono alla pulizia dei denti, dal momento che lo sporco viene rimosso dalle fibre. Anche la mela è un alimento raccomandato, ma a patto che venga consumata con la buccia: oltre a eliminare i residui di cibo che si sono depositati tra i denti, essa li sbianca e li rafforza. Inoltre, se alla fine di un pasto si mangia una mela, ci si sazia e non si ha più voglia di assaporare un dolce, il cui contenuto zuccherino è nemico della salute dei denti.

Quali altri cibi dovremmo introdurre nella nostra dieta?

In generale, tutti gli ingredienti e i prodotti che si caratterizzano per un elevato contenuto di calcio: per esempio il latte, lo yogurt e tutti i latticini in generale. Ma non vanno sottovalutati, da questo punto di vista, i broccoli, gli spinaci, la bietola e gli altri ortaggi verdi. Una preziosa fonte di calcio va individuata anche nelle mandorle: chi è intollerante al lattosio, quindi, può sostituire il latte vaccino con le bevande alla mandorla.

E poi, ovviamente, è fondamentale lavarsi i denti con regolarità

Esattamente: per esempio, se non c’è stata la possibilità di farlo nel corso della giornata, si deve comunque usare lo spazzolino prima di andare a letto, anche se sono passate diverse ore dall’ultimo pasto. Quando si dorme, infatti, i batteri proliferano grazie ai resti di cibo presenti tra i denti. Vale la pena, poi, di massaggiare le gengive allo scopo di favorire la circolazione del sangue. Quando i denti sono sani, è impossibile che i batteri si diffondano.

Perché nascono le carie?

All’interno del cavo orale umano sono presenti numerosi germi che, a contatto diretto con la saliva, si trasformano in carie. Nel momento in cui lo smalto dei denti viene attaccato dagli acidi, esso diventa via via più debole fino a rompersi del tutto: è a quel punto che si forma la carie, sotto forma di macchie di colore nero. Le carie non possono guarire da sole né arrestarsi senza un intervento ad hoc. Se non si interviene rimuovendo il tessuto malato, i batteri continueranno ad andare in profondità mangiando il dente sempre di più.

Ecco perché prevenire le carie è importante. Ma come si fa a resistere ai dolci?

Pensando ai danni che lo zucchero può provocare ai denti: vale non solo per le merendine e le torte, ma anche per le bevande come l’aranciata e la cola, le caramelle, e così via. Ciò non vuol dire che si debba vivere un’esistenza di sacrifici e rinunciare a ogni dolce: basta lavarsi i denti dopo mangiato, ricordando di adoperare anche il filo interdentale.

A proposito, quali sono le regole di una igiene orale efficace?

Il ricorso al filo interdentale è importante, ma è opportuno che esso non venga lasciato aperto: se così fosse sarebbe a contatto con l’umidità del bagno, con conseguenze deleterie. Il filo può essere utilizzato anche solo una volta al giorno, meglio se di sera: consente di arrivare in tutti quei punti della bocca che lo spazzolino non riesce a raggiungere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Faro Online, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.