Seguici su

Cerca nel sito

Le notizie dal territorio

Articolo Redazionale

Gli obiettivi di gennaio della Roma

fra centrocampisti, un attaccante e un Chris Smalling da tenere stretto

Siamo arrivati alla seconda metà della stagione di Serie A e la Roma è sulla buona strada verso l’obiettivo di arrivare in top 4 e, quindi, accaparrarsi un posto in Champions League per la prossima stagione.

La Roma figura fra le squadre di calcio più famose del mondo: ha 300 milioni di tifosi stimati, un pioneristico team di social media e un approccio lungimirante che ha portato al suo ingresso nel mondo delle criptovalute, seguendo l’esempio di altri enti sportivi, negozi e casinò online che hanno deciso di inserire quest’altra opzione di pagamento.

Ma i risultati sul campo restano i migliori parametri per misurare il successo del team. Alcune aree necessitano di essere rafforzate questo mese, in modo da restare al passo con le squadre rivali e soddisfare le aspettative dei tifosi.

In questo articolo daremo un’occhiata agli accordi che potrebbero essere portati a termine entro la fine di gennaio per aiutare la squadra a tener duro per il resto della stagione e oltre.

Quali sono le aree da rafforzare?

Durante la stagione, i centrocampisti sono stato particolarmente soggetti a infortuni, con atleti del calibro di Amadou Diawara, Bryan Cristante, Henrikh Mkhitaryan e Lorenzo Pellegrini.

L’ultima battuta d’arresto della Roma è stata l’uscita di scena di Nicolò Zaniolo per via dell’intervento chirurgico dopo il grave infortunio riportato nella partita contro la Juventus.

Quanto all’attacco, Edin Džeko è l’unico attaccante anziano della squadra, e servono più gol: finora, la Roma ha totalizzato solo 34 gol, qualcuno in meno dei principali team rivali, Lazio (41) e Atalanta (49).

In difesa, il lato destro dovrebbe essere attenzionato, dopo l’infortunio di Zappacosta che ha segnato per lui la fine della stagione. Il capitano Florenzi occupa centrocampo e fascia destra, ma anche lui ha subito un infortunio.

Chi sono gli obiettivi della Roma?

Pare sia fallito lo scambio fra Matteo Politano e Leonardo Spinazzola, dato per certo fino alle scorse ore.

Hakan Çalhanoğlu, del Milan, è un altro giocatore su cui la squadra ha messo gli occhi nelle ultime settimane. Al fine di indurre il Milan a cederlo, si pensa che Cengiz Ünder potrebbe essere coinvolto in un eventuale accordo. Sono stati fatti anche i nomi di Perotti e Diawara, a proposito di giocatori che potrebbero essere usati per un eventuale scambio.

Fra gli altri attaccanti citati sui media si è visto Moise Kean. L’attaccante 19enne fa fatica ad assestarsi, dopo il passaggio dall’Inghilterra alla Juventus della scorsa estate, e un prestito fino alla fine della stagione potrebbe portare vantaggi sia all’Everton che alla Roma.

Per il centrocampo, è stato detto che il versatile Xherdan Shaqiri è stato individuato come obiettivo, ma le notizie più recenti parlano di rifiuto del Liverpool di un eventuale prestito. Anche a proposito di Granit Xhaka si è parlato in termini di prestito alla Roma: il centrocampista svizzero è in punto di rottura con l’Arsenal, dopo essere stato spogliato del ruolo di capitano a seguito di alcune tensioni con i tifosi durante una partita.

Il terzino destro Elseid Hysaj del Napoli è considerato un altro potenziale obiettivo: la Roma ha dichiarato con sicurezza che 20 milioni di euro dovrebbero essere sufficienti ad aprire le negoziazioni per il 26enne albanese.

Sempre in difesa, un altro accordo che la squadra vorrebbe completare questo mese è l’arruolamento permanente di Chris Smalling. La scorsa estate il suo ingresso in squadra era praticamente una scommessa, considerate le precedenti vicissitudini con il Manchester United; eppure, Smalling si è rivelato un’ottima acquisizione, avendo irrobustito dato compostezza alla linea di difesa della Roma. Dal canto suo, Smalling ha reso chiaro di essere aperto a un trasferimento permanente nella squadra; se ciò si concretizzasse, i compagni e l’allenatore Fonseca non potrebbero che essere lieti di avere il 30enne in squadra in maniera definitiva.

Chi potrebbe lasciare la squadra?

Visti i numerosi problemi dovuti agli infortuni, e trovandoci a metà stagione, non ci aspettiamo molte partenze questo mese. L’unica eccezione potrebbe essere rappresentata da Nikola Kalinić, attaccante in prestito dall’Atlético Madrid.

Kalinić ha avuto difficoltà ad adattarsi alla nuova squadra, facendo solo sei apparizioni in Serie A. Potrebbe quindi tornare all’Atlético già questo mese, se la Roma decidesse di annullare l’accordo; molto dipende, tuttavia, dalla possibilità del club di assumere un nuovo attaccante.

Comunque, ammesso che il 32enne rimanga oltre la fine di gennaio, è improbabile che la squadra decida di tenerlo, a meno che non si verifichi un miglioramento delle sue prestazioni. Un altro elemento che lascia fortemente dubitare di un coinvolgimento permanente di Kalinić è il sempre più vicino ritorno di Patrik Schick dopo il prestito al Lipsia (durante il quale ha totalizzato quattro gol in quattro partite della Bundesliga).

Pare anche che il Newcastle United abbia ricevuto la proposta di prendere in prestito Kalinić e che lo stesso giocatore abbia rifiutato.

Conclusioni

La vicenda Politano continua a riservare colpi di scena (queste ore sono decisive). Il desiderio di acquisire il nuovo attaccante è una dichiarazione di intenti importante da parte della Roma: si tratta di voler trovare rafforzare l’attacco da adesso fino alla fine della stagione.

Sono necessari nuovi acquisti in centrocampo, a supporto dell’area di attacco; ma potenziate queste aree (e assicurato il future di Smalling nella squadra), la Roma ha buone probabilità di guadagnarsi un posto fra i primi quattro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Faro Online, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.