Seguici su

Cerca nel sito

Le notizie dal territorio

Articolo Redazionale

I liquidi delle sigarette elettroniche e la glicerina vegetale

Si tratta di un additivo vegetale dalla consistenza piuttosto densa e viscosa

Concepiti e realizzati per essere vaporizzati, i liquidi per le sigarette elettroniche sono composti dal glicerolo vegetale, dal glicole propilenico e dagli aromi. In alcuni casi, poi, possono essere presenti la nicotina e l’acqua demineralizzata. La base di ogni liquido è composta dal glicole propilenico e dal glicerolo vegetale, noto anche con il nome di glicerina vegetale. Si tratta di un additivo vegetale dalla consistenza piuttosto densa e viscosa, da cui deriva la fumosità del liquido, vale a dire la quantità di vapore che viene prodotta nel corso dello svapo. Non va dimenticato, comunque, che la fumosità varia anche a seconda dell’atomizzatore che viene adoperato. Il glicole propilenico, invece, è un composto chimico privo di odore: è un liquido senza colore che viene utilizzato allo scopo di diluire altri componenti in ambito cosmetico, nelle industrie farmaceutiche e nel settore alimentare. Contraddistinto da un sapore dolciastro, è un eccellente veicolante per la nicotina e per gli aromi; ovviamente è commestibile ed è del tutto innocuo dal punto di vista della salute.

Le caratteristiche dei liquidi base

Il glicole propilenico e la glicerina vegetale formano, insieme, il liquido base delle sigarette elettroniche: tutte e due le sostanze sono idrosolubili, e le miscele variano a seconda dei prodotti. Per esempio, alcuni liquidi sono del tipo 70/30; altri del tipo 50/50; e così via. I liquidi 50/50, che sono formati per metà da glicole propilenico e per metà da glicerina vegetale, vengono utilizzati in modo particolare nei dispositivi entry level come le pen style e le pod mod. Se, invece, la concentrazione di glicerina vegetale è più elevata rispetto a quella di glicole propilenico, la produzione di vapore sarà maggiore. Vale la pena di tener presente, in ogni caso, che non tutte le sigarette elettroniche sono compatibili con i liquidi che hanno più del 60% di glicerina vegetale.

Dove comprare i liquidi per le e-cig

Per acquistare i liquidi per le sigarette elettroniche si può fare riferimento al negozio online di Volari.it, che non prevede spese di spedizione per gli ordini che superano i 50 euro. A catalogo ci sono le e-cig di tutti i migliori marchi, da Smoktech a Eleaf, ma anche kit per iniziare e tubi meccanici. L’assortimento di prodotti è molto vasto e include anche pod di ricambio, box bottom feeder, box mod, pod mod e accessori vari.

I liquidi con la nicotina

Anche se è possibile svapare le basi neutre prive di qualsiasi additivo, occorre sapere che, in questa configurazione, esse sono del tutto privo di sapore. Per questo motivo, il procedimento di produzione di un liquido pronto all’uso prevede che si aggiungano al liquido base un aroma concentrato, che nella maggior parte dei casi è di tipo alimentare, e la nicotina. Quest’ultima può essere presente in concentrazioni diverse. Essa viene messa dentro il liquido per la sigaretta elettronica per dare il cosiddetto hit, vale a dire il colpo in gola, e per soddisfare la necessità di nicotina.

Le caratteristiche della nicotina

Non tutti sanno che la nicotina non si trova solo nel tabacco: questo composto organico, infatti, è presente anche nelle solanacee, e cioè in ortaggi come le melanzane, i peperoni e i pomodori. Come noto, la nicotina determina uno stato di dipendenza sia dal punto di vista psichico che a livello fisico: per questo, se si ha in mente di smettere di fumare e si passa dalle sigarette tradizionali alle e-cig non è molto intelligente optare per un liquido con una quantità ridotta di nicotina. Infatti, qualora non si assecondi il bisogno di nicotina, nel giro di poco tempo ci si ritrova di nuovo alle prese con le sigarette a combustione.

Gli aromi

Gli aromi vengono inseriti nei liquidi per le sigarette elettroniche allo scopo di conferire loro un sapore; se non ci fossero, i liquidi avrebbero una connotazione dolciastra. Le tipologie di aromatizzazione sono numerose: ci sono i gusti mentolati e quelli fruttati, per esempio, ma anche i gusti cremosi e, ovviamente, quelli al tabacco, che sono apprezzati dai neofiti. In genere le aromatizzazioni sono più forti per i liquidi entry level, così che il loro gusto possa essere colto anche da coloro che non svapano a 150 W.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Faro Online, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.