Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Le notizie dal territorio

Articolo Redazionale

Investimenti 2021: dai mercati più sicuri a quelli più rischiosi

Questa breve guida agli investimenti ha lo scopo di chiarire quali sono i mercati più sicuri e quali i più rischiosi in cui vale la pena investire nel 2021.

Scegliere il mercato giusto in cui investire non è semplice e immediato, perché richiede una buona conoscenza dell’andamento dei mercati finanziari, oltre che lungimiranza e pazienza nell’attendere i primi rendimenti. La propensione al rischio dell’investitore è, inoltre, un altro fattore da considerare per la scelta finale. Infatti, alcuni mercati sono più sicuri, perciò perfetti per chi ama investire il proprio denaro in risorse a basso rischio, mentre altri sono più redditizi ma anche molto pericolosi.

Questa breve guida agli investimenti ha lo scopo di chiarire quali sono i mercati più sicuri e quali i più rischiosi in cui vale la pena investire nel 2021.

Investire in mercati sicuri: quali prendere in considerazione nel 2021

Partendo dal presupposto che non esiste un investimento a rischio zero, ci sono alcuni mercati più sicuri di alto. Si tratta, però, anche di fonti meno redditizie, in quanto il rendimento è correlato in modo diretto al rischio. Secondo gli esperti i mercati più sicuri in cui investire nel 2021 sono: i conti di deposito, i buoni postali ed i titoli di borsa.

I conti di deposito sono dei conti aperti legati ad un istituto di credito, limitati per fare da deposito per somme di denaro remunerato che ha funzione di investimento a breve termine.

Le banche europee spesso hanno garanzia statale su somme inferiori ai 100.000 euro, perciò il tasso di interesse è legato al periodo di investimento a cui si è vincolato il denaro e, escluso l’aumento dell’inflazione, la garanzia statale fa si che non si corrono grossi rischi.

I buoni postali sono, invece, emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti perciò sono garantiti dallo Stato Italiano e il capitale investito può essere ritirato in qualsiasi momento.

Infine, i Titoli di Stato emessi dai Paesi dell’Unione Europea sono particolarmente sicuri, perciò non hanno un alto tasso di rendita ma sono un modo efficace e veloce per investire.

Investire in mercati rischiosi: il trading delle criptovalute

Le criptovalute, ovvero le monete digitali, sono un settore di investimenti particolarmente allettante, con indici di rendimento molto alti ma, al contempo, anche molto rischiosi per via della loro volatilità e del margine di negoziazione.

Sul web ci sono diverse piattaforme, come per esempio Crypto Engines o Bitcoin Billionaire, che consentono di acquistare e vendere le diverse monete online esistenti, facendo anche trading sul rialzo o ribasso del prezzo.

Le criptovalute più redditizie in cui investire nel 2021 sono: i Bitcoin, Ethereum e Binance Coin. I Bitcoin sono la prima valuta digitale della storia, apparse nel mercato nel 2009, hanno raggiunto un valore di 1.000 miliardi di dollari, ovvero il 40% circa del totale di mercato di criptovalute che ammonta ad oltre 2.500 miliardi di dollari.

Ethereum, invece, è ideale per investimenti a lungo termine, poiché vanta una stabilità maggiore rispetto alle altre criptomonete, con tassi di rendimenti superiori al 5%. Le previsioni di andamento del mercato per Binance Coin sono particolarmente rosee, con tassi di rendita in positivo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Faro Online, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.