Seguici su

Cerca nel sito

Le notizie dal territorio

Articolo Redazionale

La manutenzione della caldaia è un obbligo della Legge

sanzioni e multe salate per impianti termici che non corrispondano ai livelli di sicurezza stabiliti

Seguendo la legislazione italiana, ogni caldaia ha la necessità di una manutenzione periodica e del, cosiddetto, “controllo fumi”. Il rischio principale è quello di incidenti anche molto pericolosi o comunque di inefficienze dell’impianto.

Un altro rischio si è aggiunto negli anni a quelli sopra riportati: si rischiano infatti sanzioni e multe salate per impianti termici che non corrispondano ai livelli di sicurezza stabiliti.

La legge si fa sempre più stringente rispetto a chi evita di fare manutenzione agli impianti termici, mettendo a rischio persone, cose e intere famiglie.

Gli impianti termici e la loro manutenzione

Gli impianti termici sono tutti quelli che permettono una climatizzazione degli ambienti, non importa se producono acqua o meno. Si intendono dunque tutti quegli impianti di produzione e distribuzione del calore, non importa se individuali o industriali.

In questo ambito non sono considerati inseriti nella normativa le stufe o i camini a meno che non siano fissi e non vadano ad aumentare la capacità del servizio per l’unità immobiliare di 5 o più kW.

Il responsabile delle manutenzioni

Per far sì che tutte le pratiche di manutenzione siano svolte in maniera professionale e che ogni questione burocratica sia gestita al meglio è bene rivolgersi ad un professionista del settore.

Nei grandi centri italiani sarà sufficiente rivolgersi ad un Centro assistenza caldaie a Roma o Milano, Torino per trovare esperti capaci di risolvere qualunque problematica con la vostra caldaia o svolgere tutte le operazioni per una manutenzione impeccabile del vostro impianto.

Quando si tratta di un impianto centralizzato condominiale sarà competenza dell’amministratore di condominio andare ad individuare un professionista che possa fornire una manutenzione adeguata e una corretta assistenza.

Il rischio di una caldaia non sicura

La manutenzione periodica è davvero cruciale per evitare inutili rischi: una caldaia malmessa può anche esplodere. Il rischio quindi è enorme proprio per la salute delle persone che vivono nell’abitazione.

Non solo: molte assicurazioni per la casa non vanno a coprire i danni dovuti al malfunzionamento della caldaia, soprattutto se non c’è una regolare manutenzione fatta da un professionista.

Ed in ultimo, come già anticipato, ci sono grosse sanzioni e multe per chi non esegue un controllo dei fumi regolare. La manutenzione della caldaia è dunque un’operazione necessaria e fatta per vivere in piena sicurezza.

Il piccolo investimento di denaro che si fa per questa delicata operazione è senza dubbio ben ripagato dal senso di sicurezza che se ne ricava e dalle sanzioni che ci verranno risparmiate.

A quanto ammontano le sanzioni in caso di mancata manutenzione?

In assenza di periodici controlli dell’impianto di climatizzazione sono previste sanzioni per gli affittuari della casa (se da contratto ne dovessero rispondere loro), o per i proprietari.

Le multe per manutenzioni non effettuate e controlli dei fumi non conformi possono andare dai 500 Euro fino ai 3000 Euro.

In sostanza si tratta di cifre ben più alte del costo di una regolare manutenzione e di un controllo fumi di routine. Affidarsi ad un centro per l’assistenza caldaie per una buona manutenzione è senza dubbio una scelta di buon senso per moltissimi aspetti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Faro Online, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.