Seguici su

Cerca nel sito

Le notizie dal territorio

Articolo Redazionale

L’evoluzione del settore immobiliare, novità e consigli utili foto

In una situazione critica come quella che stiamo vivendo, i potenziali acquirenti sono molto meno inclini a fare investimenti economici rispetto alla normalità

L’emergenza sanitaria causata dall’ondata di contagi di Coronavirus ha mutato profondamente le abitudini di tutti, spingendo all’evoluzione di alcuni particolari settori. In questo contesto, l’immobiliare ha ovviamente registrato una battuta d’arresto per quanto riguarda l’andamento delle compravendite, ma allo stesso tempo sta riuscendo a sfruttare delle soluzioni che si stanno rivelando particolarmente efficaci in un periodo complesso come quello attuale.
In cosa consistono queste ultime e quali sono i fattori ai quali fare attenzione nel caso in cui si voglia vendere un immobile? Approfondiamo la questione insieme.

Cambiano le preferenze, spicca il digitale

In una situazione critica come quella che stiamo vivendo, i potenziali acquirenti sono molto meno inclini a fare investimenti economici rispetto alla normalità, per via dell’incertezza che caratterizzerà i mesi a venire. Anche le preferenze personali riguardo ai modelli abitativi stanno cambiando profondamente: l’emergenza ha infatti sottolineato l’importanza di avere a disposizione più ambienti (possibilmente ampi) e degli spazi esterni vivibili, in controtendenza rispetto al grande apprezzamento che stavano avendo monolocali e abitazioni di piccole dimensioni negli ultimi anni.

Un’altra tendenza interessante nel settore dell’immobiliare è quella che vede i potenziali acquirenti servirsi più che mai degli strumenti tecnologici a loro disposizione, per ovviare alle limitazioni delle ultime settimane di lockdown; di conseguenza, i servizi “tradizionali” offerti dalle agenzie immobiliari si stanno gradualmente spostando nella dimensione digitale. L’uso del web si farà dunque sempre più massiccio, e alcune soluzioni si stanno rivelando preziose già al momento presente: un esempio pratico è la visita virtuale delle abitazioni in vendita, disponibile su siti come quello dell’agenzia Dove.it di Roma ad esempio, grazie alla quale è possibile fare un vero e proprio tour dell’immobile di interesse senza la necessità di recarsi fisicamente sul posto. Si tratta senz’altro di una bella sfida per il settore dell’immobiliare, che rende però necessaria una buona dose di intraprendenza per cavalcare l’onda ed evolversi andando incontro alle esigenze dei clienti in maniera sempre più efficace.

Vendere casa nel 2020: alcuni consigli utili

La condizione in cui l’immobile viene presentato è fondamentale per aumentare le probabilità di vendita e ridurne sensibilmente i tempi, e l’home staging ne è la dimostrazione. Sarà dunque importante presentare la casa al meglio, sfruttandone al massimo spazi, luci e colori e rendendola “neutra” agli occhi di chi la visita: l’abitazione dovrà infatti essere pulita e accogliente, ma non dovranno essere presenti oggetti o mobili che danno troppo nell’occhio, che potrebbero distrarre o influenzare le decisioni del potenziale acquirente. Naturalmente è sempre bene effettuare con anticipo eventuali lavori di manutenzione, al fine di far visionare la casa integra e senza alcun difetto.
Un altro “trucco” efficace è scegliere di far visitare l’abitazione nelle ore in cui questa gode di una buona luminosità, e non è tutto: oltre all’occhio, anche il naso vuole la sua parte, motivo per cui molti proprietari provvedono anche a questo aspetto di “marketing olfattivo” per rendere la casa ancora più accogliente.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Faro Online, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.