Seguici su

Cerca nel sito

Le notizie dal territorio

Articolo Redazionale

Riuscire a perdonare: l’importanza di una consulenza psicologica

Il dolore provocato dalle azioni di qualcuno possono far male quanto se non più del morso di una serpe.

Se hai subito dei torti e conservi ancora le cicatrici di alcuni traumi che non ti permettono di perdonare e andare avanti con la tua vita, allora molto probabilmente l’unica cosa che ti può seriamente fare uscire da questo baratro è la consulenza dello psicologo online 24 ore Monia Ferretti.

Dal momento in cui qualcuno ci causa una ferita, la prima cosa istintiva che facciamo (ma è anche logico che questo accada) è prendercela con colui che ha causato il nostro dolore. Però utilizzare questa soluzione, per riuscire a sentirci meglio, non ottiene affatto i frutti che speravamo. Potrebbe darci un leggero sollievo che dura meno del soffio di un vento intervenire subito, reagire non appena qualcuno ci fa del male, ma a lungo andare non è affatto piacevole la sensazione che questo ti lascia dentro.

Il dolore provocato dalle azioni di qualcuno possono far male quanto se non più del morso di una serpe. Alcuni serpenti hanno delle bocche molto larghe ed è per questo che riescono a infliggere delle ferite davvero enormi.

Il punto è che, ormai che il serpente si è fermato e se n’è andato via, oppure tu sei riuscito a fuggire o a farlo smettere in qualche modo, in ogni caso resti lì, sanguinante con la tua ferita: essertela presa con il serpente non ti ha fatto guarire, ora c’è un altro problema al quale dovresti prestare la tua attenzione, piuttosto che concentrarti unicamente sulla rabbia che provi per il tuo nemico.

Anzi, maggiore è il tempo che trascorrerai a nutrire il tuo odio, minore sarà quello che al contrario dedicherai per prenderti finalmente cura di te e guarire del tutto. La rabbia che provi, infatti, è quel veleno che il serpente ti ha iniettato attraverso le sue zanne. La prima cosa che dovrai fare per essere sicuro di uscirne illeso è riuscire a liberarti di quel veleno una volta per tutte.

Da questo punto di vista, come vedremo anche più avanti, è molto importante scegliere un professionista valido e che abbia l’esperienza e la competenza necessaria per affrontare ogni tipo di dinamica emotiva.

Una delle più preparate, e sicuramente punto di riferimento nel settore, nell’ambito della psicologia on line è  Monia Ferretti, che lavora a Padova e Treviso e che nel corso degli ultimi anni ha aiutato tantissime persone a uscire da un momento di vita difficile e a dare una svolta alla loro esistenza.

I suoi punti di forza sono sicuramente l’empatia, la conoscenza e la capacità di essere versatile nell’affrontare le esigenze di ogni paziente.

Hai bisogno di uno specialista che sappia come farti stare subito bene

Non sempre le persone sono in grado di farlo da sole, ed è per questa ragione che è altrettanto importante, oltre a rendersi conto di avere un problema, imparare a chiedere una mano a chi è preparato e abbastanza competente per darcela, come uno psicologo online 24 ore, con il quale avrai la possibilità di parlare tutte le volte che ne sentirai la necessità.

Da questo punto di vista Monia Ferretti è una garanzia e negli ultimi mesi ha dimostrato come è possibile aiutare una persona in modalità on line, che in un momento di emergenza sanitaria che ci frena negli spostamenti è fondamentale.

Se per togliere il veleno che sta circolando indisturbato nel tuo sangue ed evitare così una morte lenta e piena di agonia, ti rivolgi a un medico; per eliminare l’odio e ogni emozione negativa che macera nella tua mente, hai senza dubbio bisogno di un esperto professionista nel campo.

Qualcuno dovrà insegnarti a perdonare, su questo non ci sono dubbi. La prima persona a volerlo, naturalmente devi essere tu, ma intanto è importante già soltanto recarti da uno psicologo per parlarne e trovare così una parvenza di speranza che un giorno o l’altro avrai la forza per uscire da questo terribile tunnel oscuro nel quale ti senti bloccato, in trappola.

C è da specificare una cosa: il processo di perdono non implica abbandonare la ricerca della giustizia o cessare di difendere i propri diritti: si tratta solo di non cercare sollievo emotivo, il che implica che la ricerca della giustizia diventa il centro delle proprie azioni e ciò ostacola il tuo avanzamento in altri tuoi interessi, obiettivi e valori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Faro Online, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.