Seguici su

Cerca nel sito

Le notizie dal territorio

Articolo Redazionale

Sapone di Marsiglia: origini e benefici

Gli ingredienti con cui viene prodotto donano a questo speciale sapone numerose proprietà benefiche, che lo rendono ideale anche per le pelli più delicate.

Il sapone di Marsiglia, grazie alla qualità degli ingredienti con cui viene prodotto, è tra i migliori prodotti per l’igiene personale e la pulizia della casa.

Creato in Francia, a Marsiglia, città da cui prende il nome, questo sapone neutro a base di olio d’oliva, può essere acquistato presso negozi specializzati oppure, se si ha sufficiente manualità, può essere prodotto in casa. In vendita è possibile trovare le classiche saponette dure dalla tipica forma squadrata oppure la più comoda variante liquida, tra cui ricordiamo l’ottimo sapone del Mugello prodotto artigianalmente seguendo le più antiche ricette per la preparazione del sapone di Marsiglia.

Gli ingredienti con cui viene prodotto donano a questo speciale sapone numerose proprietà benefiche, che lo rendono ideale anche per le pelli più delicate.

La storia del sapone di Marsiglia

Il sapone di Marsiglia viene oggi prodotto in tutto il mondo, sia a livello industriale sia a livello artigianale, ed è possibile trovarlo in qualsiasi città, presso negozi specializzati oppure al supermercato, ma anche online. In passato però, almeno fino ai primi anni del Novecento, questo sapone dalle proprietà miracolose non era diffuso come oggi e poteva essere acquistato solo nella sua città d’origine, dove veniva prodotto in modo artigianale e secondo la ricetta tradizionale presso i saponifici locali.

Le origini

Le origini del sapone di Marsiglia sono da ricercarsi nel Medio Oriente e, più di preciso, nella città siriana di Aleppo. Da qui proviene un sapone, noto appunto come sapone di Aleppo, prodotto con olio d’oliva e olio di alloro, risalente al 2500 a.C, la cui consistenza dura ricorda molto quella del sapone di Marsiglia.

Per trovare le prime tracce di un sapone realizzato con olio d’oliva e cenere di salicornia a Marsiglia dobbiamo aspettare il XII secolo. Gli scambi commerciali con il Medio Oriente aiutarono i locali a migliorare la qualità del loro sapone, fondendo insieme le caratteristiche del sapone di Aleppo con quelle dell’antico sapone marsigliese.

Nel XVII secolo questo prodotto, già noto con il suo nome attuale, divenne persino oggetto di un bando reale emanato dal Re Sole, il quale stabilì che la preparazione del sapone tradizionale non doveva prevedere l’uso di grassi animali.

Con il passare degli anni, la ricetta tradizionale ha subito numerose modifiche, fino a prevedere l’utilizzo di diversi tipi di olio, come quello di cocco o quello di palma, ma chi desidera preparare il vero sapone di Marsiglia utilizza un solo tipo di olio, quello d’oliva.

I benefici del vero sapone di Marsiglia

Il sapone di Marsiglia, quando viene prodotto seguendo il più possibile la ricetta originale, possiede numerose proprietà benefiche date dalla presenza dell’olio d’oliva, un vero toccasana per la pelle, e dagli altri ingredienti utilizzati.

In particolare questo sapone neutro naturale, altamente idratante, possiede qualità emollienti, lenitive e purificanti; quando viene prodotto con ingredienti di qualità, è ideale anche per il trattamento delle pelli più sensibili e non provoca allergie.

Queste caratteristiche lo rendono perfetto per la pulizia quotidiana del viso, delle mani e delle parti intime; risulta efficace anche per il trattamento dei capelli grassi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Faro Online, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.