Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Le notizie dal territorio

Articolo Redazionale

Trend auto 2021: usata, green e city car

Il Lazio si conferma la regione con il più alto tasso di crescita percentuale per la compravendita di auto usate, assestandosi sul +16%.

La pandemia da covid-19 ha segnato gravemente l’economia. Tra i settori colpiti, non è rimasto immune neanche quello automobilistico. La contrazione si rispecchia già nel numero delle immatricolazioni, ridotte di quasi il 30% nel2020, rispetto all’inizio dell’anno precedente.

Questa contrazione è tuttavia accompagnata da un miglioramento della tecnologia automobilistica (in termini di software implementati nella vettura e di sistemi di sicurezza): l’effetto è dunque un costante aumento dei prezzi dei diversi veicoli nuovi, che – sempre nell’arco dell’ultimo anno rispetto al 2019 – è stato di circa il 2,5%, in Italia. Questo aumento conferma il trend che – in misura più o meno accentuata – va avanti dal 2017.

Guardando invece al mercato delle auto usate, i prezzi sono invece in lieve contrazione (-1%) e tutte le stime lasciando intendere che le preferenze di medio e lungo periodo degli italiani si concentreranno su questo settore.

Trend auto: si impone l’usato

Date le premesse, è logico dunque che la scelta degli italiani si sia spostata – come testimonia l’ACI (Automobile Club d’Italia) – sull’usato. Il rapporto dell’ACI relativo all’ultimo anno indica che, ogni cento auto nuove vendute, si registrano circa duecento passaggi di proprietà: l’usato si conferma dunque l’opzione prediletta dagli italiani. Ne consegue che il mercato automobilistico sia trainato dal giro di auto usate piuttosto che dall’acquisto di veicoli nuovi.

Più da vicino, i passaggi di proprietà delle auto usate sono stati 1.577.873 nel 2020, con un incremento del +3,4% rispetto all’anno precedente. Aumentano dunque le transazioni tra privati, assestandosi su una crescita del 18,3%. Si nota comunque ancora una lieve contrazione rispetto al periodo precedente la pandemia da covid-19, che continua a registrare i suoi effetti sull’intera economia nazionale.

In vetta per numero di passaggi di proprietà registrati è la Lombardia (226.783). A seguire il Lazio (154.759) e la Campania (136.972). In particolare, il Lazio si conferma la regione con il più alto tasso di crescita percentuale per la compravendita di auto usate, assestandosi sul +16%. Ruolo di punta è dato proprio dalla capitale: Roma, infatti, registra un incremento di oltre il 20% di passaggi di proprietà, seguita da Napoli e, infine, Milano.

Trend auto usate: le preferenze degli italiani

Tra le auto usate preferite dagli italiani e maggiormente oggetto di passaggio di proprietà, alcuni marchi hanno fatto da padroni. Tra questi, la Fiat è presente ben due volte, con i modelli 500 e Panda (leader tra le city car). Buona fetta di mercato è occupata anche dalla Lancia, con moltissime offerte dedicate in questo concessionario Lancia Roma e, infine, dalla Volkswagen Golf (una delle poche auto straniere riuscite a imporsi nelle preferenze degli italiani, nel ramo delle compatte).

Il mercato delle auto usate è occupato prevalentemente da utilitarie (la percentuale si orienta intorno al 30%). Seguono i SUV (in aumento, al 18%) e subito dopo le berline (a ridosso, coprendo il 17% dei passaggi di proprietà). Più in basso, invece, le station wagon (con il 9% delle compravendite totali) mentre, infine, le monovolume si spartiscono quote di mercato tutto sommato marginali tra coupé, pick-up e cabrio.

Per quel che riguarda le alimentazioni, si registra un aumento dell’elettrico dell’83% (con una fetta di mercato complessiva superiore al 2% contro lo 0,5% del 2019). Si tratta anche delle automobili (siano esse nuove o usate) più costose al momento dell’acquisto, ma che permettono di risparmiare sul lungo periodo in termini di consumi e impatto ambientale. Meno nutrito il settore di mercato dell’usato legato alle ibride a benzina (+36%), mentre a dominare sono ancora le auto ibride a gasolio (+155%).

In crescita anche le radiazioni (+28,8%) e le rottamazioni (+47,4%): l’Italia sta andando dunque verso un rinnovo del proprio parco auto, apparentemente seguendo la via più ecosostenibile (auto elettriche e a basse emissioni). Proprio le emissioni, nell’ultimo anno, tra le restrizioni agli spostamenti e le migliorie delle auto elettriche inserite o reinserite nel mercato dell’usato, sono scese di oltre il 9% rispetto all’anno prima della pandemia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Faro Online, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.