Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, torna Joe Cappuccio: donna ferita con una bottigliata

L'aggressore: un uomo incappucciato sulla quarantina, non molto alto.

Ostia – E’ successo stamattina presto: intorno alle 6 e mezza del mattino in via Capitan Casella, a Ostia Levante, un uomo incappucciato ha aggredito una donna colpendola alla testa con una bottiglia di vetro e strappandole la borsa.

Da una prima ricostruzione degli avvenimenti e secondo le testimonianze di alcuni passanti che hanno assistito alla scena e si sono fermati a prestare i primi soccorsi alla vittima, si tratterebbe di un uomo non molto alto, calvo, sulla quarantina, che camminava in direzione opposta alla vittima.

Dopo lo scippo sarebbe scappato, scavalcando la siepe del comprensorio delle case popolari e dirigendosi verso via Gregoretti. L’aggressore, visto dai passanti che lo hanno segnalato alle Forze dell’Odine fornendo elementi utili alla sua identificazione, ha lasciato in terra la borsa con tutto il suo contenuto, portando via solo il denaro e il cellulare della vittima.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri. La vittima, una donna sulla cinquantina, non ha voluto chiamare l’ambulanza, riservandosi di andare in pronto soccorso successivamente.

L’episodio accaduto potrebbe essere la riprova di quanto abbiamo evidenziato in questo articolo ovvero che in carcere c’è un possibile innocente.

Pesante la reazione da parte di Monica Picca, capogruppo della Lega nel X Municipio. “È frustrante apprendere dell’ennesimo caso di criminalità avvenuto a Stella Polare, dove abbiamo manifestato chiedendo il ripristino del presidio di sicurezza e più controlli proprio lo scorso aprile – ricorda Monica Picca – Abbiamo anche già suggerito a Raggi e Di Pillo di sfruttare le risorse messe a disposizione dal Ministro Salvini per la tutela del territorio, ma non siamo stati ascoltati. Ora l’ennesimo episodio criminale che conferma che avevamo ben ragione a chiedere più sicurezza. Speriamo che almeno questa sia la volta buona, per chi amministra questo territorio, per comprendere che forse è il caso di muoversi con urgenza. Purtroppo però dubitiamo fortemente che questo accada mai.