Seguici su

Cerca nel sito

Crisi Alitalia, Montino: “Sulla compagnia di bandiera ancora inutili parole”

Il sindaco di Fiumicino: "Noi, a differenza di palazzo Chigi, un piano per Alitalia lo abbiamo. Il tempo è scaduto"

Fiumicino – “Prosegue il pasticcio sulla pelle dei lavoratori e delle lavoratrici di Alitalia, con un governo che continua a prendere tutti in giro senza un piano industriale né un’ipotesi credibile di soluzione del problema”. Lo dichiara il sindaco di Fiumicino Esterino Montino commentando le ultime notizie sulla compagnia di bandiera.

“Assistiamo solo ad una ridda di voci, più o meno fantasiose, su potenziali partner che dovrebbero togliere le castagne dal fuoco a Di Maio e Toninelli, mentre Salvini continua a fare il Ponzio Pilato – prosegue Montino -. Ci sarebbero, in Italia, gruppi imprenditoriali, più o meno partecipati dallo Stato, e grandi operatori privati che hanno attinenza con il settore. Gruppi che potrebbero, con un vero piano di sviluppo, fare la differenza e segnare una svolta rispetto al bla bla e alla interminabile propaganda di chi governa”.

“Qui ci sono in ballo le vite di migliaia di lavoratori e lavoratrici – ricorda il sindaco – e delle loro famiglie. Si tratta di persone con elevata professionalità e altamente specializzate il cui futuro è messo a rischio da un governo incapace. Fiumicino, che ospita l’aeroporto sul suo territorio, ha già provato sulla propria pelle quali possono essere le ripercussioni sul tessuto sociale ed economico della città di un ennesimo flop su Alitalia“.

“Noi, a differenza di palazzo Chigi, un piano per Alitalia lo abbiamo – conclude Montino -. Il tempo è scaduto. Quanto ancora dove continuare questo imbarazzante balletto dell’incapacità a cui ci costringono ad assistere ogni giorno?”.

(Il Faro online)