Seguici su

Cerca nel sito

Bicinrosa 2019, sotto la pioggia per la lotta al tumore al seno foto

Tanti partecipanti lo scorso 22 settembre all’evento annuale organizzato dal Campus Bio Medico di Roma. Una scia rosa di ciclisti per le strade di Roma, per divulgare il messaggio della prevenzione

Roma – Anche sotto la pioggia per divulgare il messaggio più importante. Quello in difesa della vita. E la prevenzione può fare molto grazie ai sani stili quotidiani. Uno di questi è certamente l’esercizio fisico, insieme alla sana alimentazione e lo sport è una parte fondamentale per mantenersi in salute.

Tutti in bicicletta allora, in concomitanza della Rome Half Marathon Pacis di domenica scorsa. Tempo uggioso e autunnale, che non ha fermato i tantissimi partecipanti di Bicinrosa. Arrivata alla sua terza edizione, la pedalata amatoriale di 4 chilometri su strada ha rinnovato la sua sfida al tumore al seno. Combatterlo e vincerlo. Oggi è possibile. L’attività fisica è importante e riduce i rischi di ammalarsi. La sana alimentazione fa il resto. Nell’ambito della Settimana Europea dello Sport il messaggio del benessere psico – fisico che apporta lo sport è fondamentale e salva la vita. Se praticato costantemente. Può limitare i danni e può curare, anche mentalmente. Abbassa lo stress, ossigena il sangue e mantiene in forma. Il cancro al seno, che colpisce migliaia di donne ogni anno, oggi è guaribile e si può appunto evitare. Ma bisogna educare agli stili positivi di vita. E Bicinrosa ogni anno insiste su questo argomento. Promosso dalla Breast Unit dell’ Università Campus Bio Medico di Roma, ha visto la partecipazione non solo di pazienti donne, ma anche di medici e dirigenti del nosocomio romano, tra i migliori ospedali d’Italia.

Una bella manifestazione allora, colorata di rosa. Caschetti e magliette. In onore delle donne. Per 4 chilometri, tutti insieme i partecipanti hanno potuto rinforzare il messaggio della prevenzione e ammirare le bellezze artistiche di Roma.

Di seguito le dichiarazioni dei partecipanti, come indicate nel video diffuso sulla pagina ufficiale Facebook di Bicinrosa :

Vittorio Altomare, responsabile Breast Unit Università Campus Bio Medico di Roma

“Bicinrosa vuole sempre richiamare i tre obiettivi fondamentali che sono la prevenzione, le giuste cure del tumore al seno ma soprattutto la prevenzione primaria, con la sana e corretta alimentazione. E poi con la mobilità sostenibile, bene rappresentata dalla bicicletta. Riduce l’inquinamento. E con il contributo dell’attività fisica di routine permette di combattere e vincere il tumore al seno. Quest’anno Bicinrosa è stata voluta con l’ausilio dell’Unione Europea. L’abbiamo inserita all’interno della Rome Half Marathon Via Pacis, poiché volevamo dare anche noi di Bicinrosa un messaggio di multi etnicità, multi religiosità e chi più della malattia non guarda in faccia né razza, né appartenenza, né religione. Bicinrosa ci stava bene nel contesto di questa manifestazione sportiva”.

Felice Barela, Presidente Università Campus Bio Medico di Roma

“Nonostante la pioggia ci sta un gruppo di coraggiosi che ha voluto sfidare il maltempo e partecipare ugualmente a Bicinrosa, per poter diffondere questo messaggio di prevenzione e  corretti stili di vita. Speriamo che tale messaggio si diffonda sempre di più”.

Pierfilippo Crucitti, Direttore Chirurgia Toracica Università Campus Bio Medico di Roma

“Bicinrosa è importante perché la solidarietà in aiuto ai malati di cancro, e in questo caso del tumori al seno, è importantissima. Aiutarsi. Stare vicino ai malati sempre e comunque”.

@fraintesa. Travel Blogger

“Sono venuta a Roma per Bicinrosa perché per me è un evento molto importante. Infatti, io sono stata colpita dal tumore al seno nel 2018. Ho passato l’ultimo anno a curarmi. Sono guarita. Sono molto fortunata e mi sembra molto importante parlare di prevenzione, di consapevolezza e di quanto questa malattia sia comune purtroppo, ma quanto sia importante appunto prevenire e  curarsi con gli specialisti delle Breast Unit italiane. Per dare un nuovo significato a quella che è stata la data della mia diagnosi, l’8 ottobre, ho deciso che il prossimo 8 ottobre appunto, partirò per fare un giro da sola per il mondo. Voglio divulgare. Per raccontare la mia storia e diffondere il messaggio della prevenzione. Per prendermi una bella rivincita sulla vita. Ci vediamo l’anno prossimo”.

Annalisa La Cesa, Medico oncologo Università Campus Bio Medico di Roma

“L’attività fisica è fondamentale nella prevenzione del tumore al seno.  Una delle attività che tutti possiamo fare. Insieme ad un’alimentazione corretta. Riduce il fattore di rischio per l’insorgenza dei tumori al seno”.

Foto : Bicinrosa/Rome Half Marathon

(Il Faro on line)