Seguici su

Cerca nel sito

Genoa vs Roma: le pagelle de il Faro online: Pau Lopez e Diawara … come al solito

Seconda vittoria consecutiva fuori casa per Mister Fonseca. Il lavoro paga e ora soto con i quarti di finali di Coppa Italia e il derby in Campionato.

Genova. Insidiosa trasferta a Genova, sponda del Grifone, per una Roma rinfrancata da una vittoria in trasferta in Coppa Italia. Molti potevano essere le voce di distrazione, specialemente per Leonardo Spinazzola, pendolare tra Roma e Milano nell’affaire Spinazzola-Politano, e il tentativo di disturbo dell’altra squadra milanese per Cengiz Ünder. Alla fine, insieme ai soliti noti Pau Lopez e Amadou Diawara, gli “uomini mercato” hanno disputato un’ ottima partita, molto concentrati, altro che distratti (clicca qui). E i tifosi della Roma ringraziano.

Pau Lopez, 7,5 – Due paratone nel primo tempo molto complicate ma troppo grave la distrazione, in concorso di colpa con Santon e Mancini, sulla mancata uscita a fine primo tempo che permette a Pandev di siglare il 1 a 2. Altre tre paratone al secondo tempo su tiro di Cassata, su colpo di Testa di Goldanica, praticamente all’incrocio dei pali e sul tiro di Pandev a tempo scaduto. Saracinesca.

Davide Santon, 6,5 – Attento e disciplinato, si vede che ha ripreso confidenza con la palla. Non molto considerato dalla critica è invece sempre pronto ad aiutare la causa giallorossa senza fanfare e squilli di trombe. Nel primo tempo, grave la distrazione (vedi nota di Pau Lopez). All’ 83′ viene sostituito da çetin. Quasi recuperato.

Chris Smalling, 7 – Di nuovo al comando. Molto efficace quando gioca d’anticipo che ha consentito più di una volta a far guadagnare un tempo di gioco ai compagni di centrocampo per impostare la fase offensiva. Perentorio.

Gianluca Mancini, 6,5 – Normale amministrazione ma con la macchia del concorso di colpa sul gol di Pandev a fine primo tempo. Ancora un po’ lontana la forma condirettore della difesa spesso condivisa con Smalling. C’è sempre.

Leonardo Spinazzola, 7 – Comincia galoppando sulla fascia, cercato dai compagni. Almeno per tutto il primo tempo non sembra affatto distratto dai fatti di mercato successi in settimana. Da una sua galoppata e cross nasce il secondo gol in autorete di Biraschi. Voglioso e motivato.

Amadou Diawara, 8 – C’è sempre. Recupera una quantità enorme di palloni in tutte le zone del terreno di gioco. Mantiene una buona condizione anche nel secondo tempo, quando col suo movimento riesce a recuperare anche palle complicate per la difesa. Insostituibile.

Jordan Veretout, 6 – Meno incisivo del solito. Eppure al 62′ calcia in porta una bomba mettendo in diffcioltà Perin che lascia il tap in a Dzeko che però colpisce di stinco mandando la palla fuori. A 72′ viene sostituito da Cristante. Stanco.

Cengiz Ünder, 6,5 – Parte benissimo con alcune delle discese e tentativi riusciti di uno contro uno fino a confezionare il gol con un tiro che inganna tutta la difesa del Genoa, Perin compreso. Partita dopo partita sembra recuperare la forma non sempre prò accompagnata dalla lucidità delle sue giocate. All’87’ viene sostituito da Cétin. Per vedere il miglior Under i tifosi devono ancora pazientare.

Lorenzo Pellegrini, 7 – Nonostante sia meravigliosamente indossata da Edin Dzeko, si è avuta la sensazione che il vero Capitano fosse lui, navigato e lucido. Sempre a testa alta. Sontuoso l’assist per Dzeko per confezionare il terzo gol. Leader.

Justin Kluivert, 6,5 – Comincia forte e pimpante. Una spina nel fianco della difesa genoana. Dà un contributo di alto livello tecnico alla costruzione della manovra offensiva, ma poi si perde specie nel secondo tempo che con scelte molto poco lucide vanifica al meno 3 contropiede. Deve acquisire un po’ più di continuità per essere un arma letale in più a disposizione del Mister.

Edin Dzeko, 7,5 – Oggi Capitano. Partita di grande sostanza. Come dicono quelli bravi, fa reparto da solo. Deve essere perfezionata l’intesa con gli esterni che, a fasi alterne a seconda della fascia in cui si sviluppa l’azione offensiva, ne sostenevano il peso in attacco. Proibito metterlo in discussione.

Bryan Cristante, 6,5 – Rileva al 72′ uno stanco Veretout. Concreto, aiuta un Diawara che spesso è costretto a fare muro da solo. Buona la condizione fisica che potrebbe consentire a Veretout un turno di riposo in vista del quarto di finale di Coppa Italia. Molto utile.

Mert çetin, S.V. – Rileva all’83’ Davide Santon.

Bruno Peres, S.V. – Rileva all’87’ Cengiz Ünder.

Paulo Fonseca, 8 – Dimentico di Torino. Coppa Italia da giocare, riprendi il campionato e ritrovi la tua Roma modello Firenze, vuol dire che il lavoro diretto nell’ultimo periodo è giusto. Oggi, solo piccole sbavature nel gioco che non riusciva a decollare, nei primi 12 minuti del secondo tempo, fatto davvero inusuale per i suoi uomini. Ancora da ri_registrare il “pilotto” dell’intervallo? Dopo la Coppa Italia con la Juve e il derby in Campionato ne sapremo di più. Se riesce anche a recuperare Bruno Peres, diventa da monumento al Gianicolo. Bravo.

(Il Faro online)