Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Rimpallo di competenze tra Comuni, intanto la maxidiscarica di via Laurentina cresce foto

Ardea e Aprilia ritengono che quel tratto di strada non sia di loro competenza, nel mentre i rifiuti aumentano per colpa degli incivili

Più informazioni su

Ardea – Sono esasperati i residenti di via Laurentina ad Ardea, che vedono crescere ogni giorni, sempre di più, la maxi discarica abusiva creata da diversi incivili sull’argine di un  affluente del Fosso dell’Incastro che a pochi metri dalla discarica confluisce proprio nel Fosso Grande, per sfociare poi in mare.

Le prime segnalazioni arrivarono già all’inizio di agosto (leggi qui), e a distanza di circa un mese nulla è cambiato. Nessuno è intervenuto per ripulire e bonificare l’area nonostante le segnalazioni fatte sia al Comune di Ardea che al Comune di Aprilia. “Non è nel nostro territorio”, affermano da Ardea; stessa frase riferita dal Comune di Aprilia. Nel rimpallo di competenze nessuno ha proceduto a una verifica catastale, il tutto mentre i rifiuti, abbandonati incivilmente, aumentano di giorno in giorno. Esasperati i residenti, come pure i tanti clienti che affollano il piazzale del supermercato sulla sponda opposta, costretti a fare i conti non solo con il paesaggio deturpato ma anche con l’odore nauseabondo che a tratti fuoriesce.

“Questo è comune di Ardea – dice un signore che ci ferma mentre eravamo sul posto per fare le foto -. E’ mai possibile che chi deve provvedere istituzionalmente non si vergogna di lasciare all’ingresso del Paese una discarica che sta aumentando sempre più?”. Le prove che quel tratto di strada sono di competenza del Comune di Ardea arrivano anche dall’ex sindaco Luca Di Fiori, che durante il suo mandato aveva concesso al proprietario del distributore confinante con la discarica tutti i permessi per potergli far svolgere l’attività di rivendita carburanti e bar.

I Sindaci in carica però restano fermi. Viene però spontaneo chiedersi: quanti altri mesi dovremo aspettare per vedere ripulita e bonificata l’area, che in quelle condizioni non dà lustro a nessuno dei due Comuni chiamati in causa?

Più informazioni su