Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità: l’impatto dell’inquinamento ambientale sulla salute umana

L'Edizione Speciale del 2 dicembre andrà in onda a partire dalle ore 18:00 e si potrà seguire in diretta sui canali social e You Tube del “Faro”

La Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, che ricorre il 3 dicembre, fu istituita nel 1993 dalla Commissione europea in accordo con le Nazioni Unite.
Dopo decenni di lavoro delle Nazioni Unite, la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, adottata nel 2006, ha ulteriormente promosso i diritti e il benessere delle persone con disabilità, ribadendo il principio di uguaglianza e la necessità di garantire loro la piena ed effettiva partecipazione alla sfera politica, sociale, economica e culturale della società.

La disabilità, infatti, continua a scontrarsi con barriere culturali e ambientali la cui eliminazione rappresenta un obiettivo indispensabile per la vita di quelle persone che convivono con una o più forme di disabilità.

La Giornata internazionale delle persone con disabilità 2020, si focalizza sul tema della “Trasformazione verso società sostenibili e resilienti per tutti“, con l’obiettivo di favorire iniziative in favore dei disabili in linea con l’attuazione dell’Agenda 2030 e degli altri accordi internazionali tra i quali la Nuova Agenda Urbana.
Inoltre, quest’anno la ricorrenza è legata profondamente alla pandemia sanitaria da Covid-19 che, ancora di più, ha evidenziato l’importanza di politiche specifiche ed efficaci rivolte ai cittadini più fragili. “Non lasciare nessuno indietro”, è proprio l’indicazione dell’Agenda 2030 per promuovere azioni per l’inclusione delle persone con disabilità in tutti gli aspetti della società e dello sviluppo.

Malattie e disabilità ambientale

Il concetto di disabilità ambientale è piuttosto complesso, ma per avere un’idea del fenomeno, basti pensare a tutte le innovazione tecnologiche, che però non sempre si rivelano essere totalmente compatibili con la nostra salute.
Basti pensare anche a tutte quelle sostanze tossiche che per decenni sono state considerate assolutamente innocue, ma poi si sono scoperte dannosissime, se non mortali. Si pensi all’eternit, all’amianto, solo per fare due esempi universalmente noti.

Il numero di soggetti affetti da Sensibilità Chimica Multipla (MCS) e da Elettrosensibilità (ES), cosiddette malattie ambientali, è aumentato drasticamente negli ultimi 30 anni. Si tratta di due condizioni moto diverse dal punto di vista clinico, che però impongono entrambe a chi ne è affetto di evitare gli agenti che scatenano le reazioni, rispettivamente le sostanze di sintesi chimica e i campi elettromagnetici. Entrambe le patologie sono spesso scambiate per semplici allergie, ma entrambe possono diventare addirittura invalidanti.

I dati prodotti dall’Oms, ci dicono che l’esposizione ambientale è responsabile di quasi un quarto di tutte le malattie. Circa il 25% di tutte le malattie nel mondo, infatti, è dovuto all’esposizione a fattori ambientali.
Il rapporto, intitolato “Prevenire le malattie grazie a un ambiente migliore: verso una stima del carico di malattia legato all’ambiente”, rappresenta un contributo per capire su quanto i fattori di rischio ambientali possano contribuire a un’ampia gamma di malattie e disabilità.

Il tema dell’impatto dell’inquinamento ambientale sulla salute umana e la ricaduta sul sistema sanitario nazionale sarà, quindi, al centro dell’Edizione Speciale del 02 dicembre, che andrà in onda a partire dalle ore 18:00 e che si potrà seguire in diretta sui canali social e You Tube del “Faro” e in differita sugli stessi canali e sulla home page della testata.

Il programma sarà condotto dal direttore responsabile Angelo Perfetti e dal direttore editoriale Vincenzo Taurino, che si avvarranno del contributo di: Massimo Fioranelli, medico chirurgo, specialista in cardiologia e medicina interna; Maurizio Martucci, giornalista e scrittore; Davide Barillari, Consigliere Regione Lazio; Annalisa Buccieri, Referente per la regione Lazio dell’Alleanza Italiana Stop5G.
Clicca qui per seguire la diretta su FB dell’Edizione Speciale
Clicca qui per seguire la diretta su You Tube dell’Edizione Speciale

“Radio Faro Tv” è una nuova sfida, che si aggiunge alle molteplici iniziative che “Il Faro” ha messo in campo nell’ultimo anno per raccontare l’attualità e dare voce ed essere al servizio delle comunità e delle città del Litorale Laziale.
Clicca qui per accedere al palinsesto