Seguici su

Cerca nel sito

Tiramisù con panettone

Il dolce per i nostalgici delle feste natalizie, o per gli esperti del riciclo gastronomico: il tiramisù al panettone mette d’accordo anche i più scettici.

Il modo più intelligente e goloso per non buttare via il panettone avanzato dalle feste è quello di riutilizzarlo in un nuovo dessert, ancora più goloso, che unisce l’energia e la carica di un classico della pasticceria italiana – il tiramisù – con i sapori armoniosi del dolce principe delle feste natalizie. Abbiamo utilizzato come base la ricetta del tiramisù classico per realizzare un’originale versione con l’aggiunta di panettone, che sostituisce i classici savoiardi, ideale per terminare un pasto importante o per una deliziosa merenda pomeridiana. 

Ingredienti:

  • un panettone (ca. 750 gr)
  • 500 gr di mascarpone
  • 5 uova
  • 100 gr di zucchero bianco semolato
  • caffè q.b.
  • cacao amaro q.b.

Preparazione:

La preparazione del tiramisù al panettone è molto simile a quella del tiramisù tradizionale, per cui vi consigliamo di iniziare rompendo le uova e separando i tuorli dagli albumi. È importante che non vi sia traccia di tuorlo negli albumi, altrimenti questi ultimi non monteranno a dovere.

Dividete quindi a metà la dose di zucchero e versatene una metà nei tuorli, sbattendo energicamente con una frusta elettrica e mescolando finché non si sarà ottenuta una crema chiara e spumosa. Senza spegnere la frusta elettrica, ma diminuendo la potenza, aggiungete un po’ alla volta anche il mascarpone, in modo che si ottenga un impasto omogeneo, senza grumi e ben sodo.

Prima di passare a montare gli albumi a neve, lavate e asciugate le fruste elettriche, in modo che non rimangano residui della crema al mascarpone. Utilizzate la restante metà della dose di zucchero per montare gli albumi con le fruste elettriche, lavorandoli finché non saranno montati a neve ben ferma. Prendete un cucchiaio di albumi e utilizzatelo per stemperare la crema di mascarpone; poi, un po’ alla volta, incorporate gli albumi alla crema cercando di non smontarli (vale il suggerimento di mescolare sempre nella stessa direzione, dal basso verso l’alto).

Riponete la crema al mascarpone in frigorifero e intanto preparate del caffè: ne servirà almeno la quantità offerta da tre o quattro caffettiere grandi (da 4 persone). Versate il caffè in un contenitore piatto e largo, che utilizzerete per inzuppare il panettone. Quest’ultimo deve essere tagliato a strati orizzontali, come se fosse una torta da farcire, ricavando fette alte uno o due centimetri: utilizzate un coltello seghettato e cercate di svolgere questa operazione con calma e pazienza, altrimenti il panettone si romperà. Tenete da parte la base e la parte superiore del panettone, perché non sono adatte ad essere inzuppate: tagliateli a cubetti che utilizzerete per decorare il tiramisù.

In una teglia capiente stendete un primo strato di crema al mascarpone. Inzuppate entrambi i lati di una fetta di panettone nel caffè e adagiate la fetta sullo strato di crema; se necessario, distribuite più fette di panettone inzuppato per colmare eventuali spazi vuoti nella teglia. Proseguite alternando uno strato di crema e uno di panettone, fino a raggiungere l’orlo della teglia. Spolverizzate l’ultimo strato di crema con del cacao amaro. Lasciare riposare il tiramisù al panettone in frigorifero per almeno un paio d’ore prima di servirlo.

Per decorare il tiramisù, utilizzate i pezzetti di panettone ricavati dalla base e dallo strato superficiale del panettone, leggermente abbrustoliti in una padella molto calda per renderli croccanti e poi lasciati raffreddare. Per una presentazione più elegante, potete realizzare delle monoporzioni utilizzando – al posto della teglia – una serie di piccoli recipienti trasparenti, come nella ricetta del tiramisù al bicchiere.