Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

A Ladispoli torna “Oratorio per Marco” del maestro Ugo De Vita

Avrà un numero di partecipanti limitato, ma verrà trasmesso anche in streaming per dare la possibilità a tutti di assistere

Ladispoli – “Ladispoli vuole ricordare ancora una volta la memoria di Marco Vannini e lo farà grazie al toccante testo del maestro Ugo De vita”. Con queste parole il sindaco Alessandro Grando ha annunciato che il prossimo 25 giugno alle ore 18:30 presso l’aula consiliare, dopo le repliche di Ladispoli, Cerveteri e Teatro della Pergola di Firenze, si terrà “Oratorio per Marco” di Ugo De Vita con musiche eseguite dal vivo dal maestro Fabio Consiglio.

Ugo De Vita, a poche settimane dal delitto del 17 maggio 2015, aveva incontrato i genitori di Marco Vannini e dopo tre mesi aveva raccontato, in un testo scritto coi genitori Valerio e Marina, con gli zii e i cugini di Marco, la storia di un ragazzo di venti anni e la sua fine assurda.

Il testo, di straordinaria portata poetica oltre che umana, è stato applaudito nell’arco di questi sei anni in allestimenti no-profit da migliaia di persone e questo ha contribuito a dare voce alla famiglia e alla memoria di Marco, vittima di un atroce omicidio. Istituzioni pubbliche e private, grandi firme del giornalismo, lungo la strada, si sono strette attorno alla famiglia. La cultura, lo sport i media hanno saputo cogliere questa istanza.

Ugo De Vita, nel settembre del 2019, durante l’inaugurazione del teatro Vannini, aveva proposto “Oratorio per Marco”, e in seguito è tornato a Ladispoli donando un Caravaggio, tra aneddotica e racconto, una lectio-spettacolo che da San Luigi dei Francesi a Roma, ha toccato l’Accademia di Brera a Milano, i Musei di Messina, Agrigento, Firenze.

De Vita a venti anni era partito proprio da Ladispoli – ha concluso Grando – e conseguito il diploma all’Accademia Silvio D’Amico, allievo di Andrea Camilleri, Aldo Trionfo e Anna Miserocchi, aveva scelto di portare nella nostra città un suo piccolo spettacolo, il primo, titolato ‘In morte di nostra società’.

Sono passati quarant’anni da allora e l’Amministrazione comunale, come già accaduto in Toscana nel comune patria del poeta Dino Campana, è lieta di consegnare ‘le chiavi della città’ come riconoscimento per l’attenzione dimostrata verso Ladispoli e per l’impegno mostrato nelle istanze civili con eventi quali il Decennale delle stragi di Capaci e via D’Amelio, (con Lamberto Sposini), il Welby (accanto a Mina Welby e Gianfranco Funari) e poi ancora negli spettacoli su Coco, Casalegno, Stefano Cucchi”.

L’evento “Oratorio per Marco”, in ottemperanza alle disposizioni in materia anti-Covid, avrà un numero di partecipanti limitato, ma verrà trasmesso anche in streaming per dare la possibilità a tutte le persone che sono state al fianco di Marina e Valerio di assistere alla toccante interpretazione del maestro Ugo De Vita.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Ladispoli
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Ladispoli