Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Lettere al direttore

Incendio a Passo della Sentinella: “Zona dimenticata da tutti. A chi spetta il controllo?”

L'appello di un residente: "Chiediamo chiarezza sulla nostra zona e dignità per noi residenti"

Fiumicino – “Quando hanno preso fuoco le erbacce ed il canneto presenti in via Scagliosi (leggi qui), in pochi minuti le abitazioni presenti sulla stessa via e su via Sernaglia della Battaglia erano circondate dalle fiamme. Sembravano scene da film: trovarsi circondati dalle fiamme e dover far evacuare le abitazioni”. E’ quanto si legge in una lettera indirizzata alla redazione de Il Faro online, scritta da Territo Alessio, residente in via Sernaglia della Battaglia a Fiumicino, in merito all’incendio divampato lunedì 6 settembre in zona Passo della Sentinella.

“Il giorno 20 agosto,  – racconta Alessio – durante un incontro casuale con Enzo Cini, segretariato del Sindaco, alla mia richiesta di come poter fare per avere tranciate le erbacce su via del Faro, altezza Vecchia Scogliera (zona precedentemente colpita sempre da incendio) e quelle presenti su via Scagliosi, ormai talmente alte da invadere la stessa carreggiata, veniva risposto che ci avrebbe pensato lui segnalando la pericolosità alla ditta competente per l’intervento urgente.

Dopo qualche minuto dall’incontro casuale ricevo un messaggio sul mio cellulare dallo stesso Cini, il quale mi informa di aver segnalato tutto e che in breve tempo sarebbe stati effettuato l’intervento di potatura. Qualche giorno dopo viene effettuata la potatura in via Del Faro, altezza Vecchia Scogliera fino al Parco Scagliosi. Ovviamente mando un messaggio a Cini ringraziandolo, ma segnalando la mancata tranciatura della fitta vegetazione lungo via Scagliosi. A tale segnalazione, ricevo risposta dallo stesso Cini che mi assicura che sicuramente il giorno successivo la ditta sarebbe intervenuta anche su via Scagliosi.

Ora, pur ringraziando ovviamente Cini della disponibilità, mi chiedo: a chi spetta il controllo?

Dal 25 agosto, data dell’ultimo messaggio, il silenzio. Nessuna ditta è intervenuta su via Scagliosi. Lunedì 6 settembre è successo il tutto. I primi ad intervenire siamo stati noi residenti con le nostre cisterne, per tentare di spegnere le fiamme. Dopo aver segnalato il pericolo al numero unico di emergenza, sono arrivati i Vigili del Fuoco e le varie associazioni di volontariato presenti nel territorio, che, con grandi difficoltà logistiche, sono riusciti a spegnere le fiamme alte che stavano invadendo anche i campi limitrofi.

Ora mi chiedo, è possibile vivere situazioni del genere, che mettono in pericolo la vita dei residenti della Fiumara, a causa della mancanza di manutenzione, credo anche “ordinaria”? Oltre ad essere una zona dove, pagando già le tasse comunali e regionali, paghiamo ancora l’acqua pubblica ad uso cantiere, le strade sono prive di manutenzione, manca l’illuminazione pubblica, l’area è stata dichiarata dal Tribunale di Roma non demaniale, possibile che nel 2021 dobbiamo vivere in pericolo?

Chiediamo chiarezza sulla nostra zona e dignità per noi residenti. Rinnoviamo per l’ennesima volta la richiesta di un incontro con il Comune e la Regione per accertare le varie competenze e le responsabilità”.

Territo Alessio

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Fiumicino
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Fiumicino