Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Eurovolley, l’Italia domani in campo con la Serbia per un posto in finale

L’opposto Pinali: “C’è entusiasmo e non mi aspettavo di arrivare fino a qui. Daremo tutto in campo”.

Più informazioni su

Katowice – Cresce l’attesa per la semifinale della 32esima edizione dei Campionati Europei. Alla Spodek Serbia e Italia scenderanno in campo per contendersi lo scettro della pallavolo maschile del Vecchio Continente, gara di altissimo livello al termine della quale si conoscerà la formazione che iscriverà il proprio nome nell’albo d’oro della manifestazione.

L’Italia di Ferdinando De Giorgi – domani in campo contro la Serbia (ore 21 diretta TV su Rai Due e DAZN) -, grazie al suo percorso netto (7 successi consecutivi, 2 soli set persi), si è guadagnata, meritatamente, un posto tra le migliori quattro squadre d’Europa ritagliandosi un ruolo da protagonista in questa edizione. La Nazionale Italiana si è presentata con un roster rinnovato e ringiovanito, fisiologicamente cambiato dopo la conclusione del ciclo olimpico, ma questo è apparso da subito non essere un limite. Giannelli e compagni, infatti, si sono sempre espressi su ottimi livelli, mettendo in mostra una notevole organizzazione di gioco; tutti i giovani protagonisti si sono messi a disposizione degli altri compagni; l’alchimia nata ha creato da subito entusiasmo e crescente consapevolezza dei propri mezzi. Il risultato è stato riportare la maglia azzurra in semifinale dopo sei lunghi anni (2015 Finali a Sofia, Italia sul gradino più basso del podio).

Di tutto ciò è consapevole l’opposto Giulio Pinali che così si racconta a poco più di 24 ore dalla sfida contro la Serbia: “Siamo molto contenti di essere qui e di avere la possibilità di scendere in campo in una situazione del genere; sappiamo che quella di domani sarà una partita difficile nella quale ci sarà da lottare. Le nostre sensazioni però sono buone, anche l’ultima partita contro la Germania ha messo in evidenza il nostro gioco e la nostra sintonia; speriamo ora di riuscire a replicare queste situazioni così da mettere in difficoltà anche le nostre prossime due avversarie”. Il giocatore azzurro prosegue: “Quello che ci ha permesso di arrivare fino a qui è stato l’entusiasmo e l’energia che ci mettiamo nell’affrontare ogni singola partita, ma più in generale ogni momento di questa esperienza che stiamo vivendo tutti assieme. Siamo coesi, viaggiamo compatti, abbiamo un obiettivo comune che è quello di migliorarci e anche quando siamo stati manchevoli di qualcosa non ci siamo mai abbattuti e abbiamo sempre guardato avanti con fiducia ed entusiasmo”.

Parlando della partita di domani, sottolinea: “Contro la Serbia sarà necessario giocare senza troppe pressioni, loro giocheranno forte, cercheranno di metterci in difficoltà con il servizio e noi dovremo essere bravi a tenere sia in ricezione sia in altri momenti di difficoltà. Dovremo rimanere sempre lì cercando poi di collezionare punti anche quando le situazioni non saranno semplici – facendo riferimento al proprio torneo, dichiara – sinceramente non mi aspettavo potessimo fare così bene, ma con il passare dei giorni e delle partite il feeling tra di noi è progressivamente aumentato; essere qui è un sogno che si sta realizzando, l’essere in prima squadra e giocare con continuità è un qualcosa che mi riempie di orgoglio. Spero sinceramente di ripagare la fiducia riposta in me e di regalare tante emozioni a noi stessi e a chi tifa per noi”. (federvolley.it)

(foto@FederazioneItalianaPallavolo/Facebook)

Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport

Più informazioni su