Seguici su

Cerca nel sito

Acilia, investe vigile urbano e scappa. Catturato

Vigile urbano travolto da auto pirata mentre appone le transenne per la chiusura di via di Acilia a causa delle buche. Spalla fratturata 30 giorni di prognosi

Acilia – Il vigile urbano del gruppo intervento traffico GIT di Roma stava chiudendo via di Acilia insieme con i colleghi e con gli addetti dell’Ufficio Tecnico quando è stato travolto da una Smart. Il conducente non si è fermato per i soccorsi ma è scappato sulla via Cristoforo Colombo. Inseguito da una collega dell’agente ferito, l’uomo è stato bloccato all’altezza di via di Mezzocammino.

È  successo intorno alle 10,30 in via di Acilia, in prossimità dell’incrocio con via Cristoforo Colombo. Una pattuglia di vigili urbani del gruppo Intervento Traffico GIT di Roma stava assistendo gli operatori dell’Ufficio Tecnico del X Municipio impegnati a transennare e chiudere al traffico via di Acilia ormai impraticabile per buche e radici.

Un folle alla guida di una Smart ha investito a tutta velocità un agente trascinandolo per una decina di metri e lasciandolo al suolo senza fermarsi. La Smart proveniva da via di Acilia in direzione Cristoforo Colombo, sorpassando la fila ferma al semaforo. La collega dell’agente è salita sull’auto di servizio e ha inseguito il pirata della strada riuscendo a raggiungerlo e fermarlo sulla Colombo all’altezza di via di Mezzocammino.  L’uomo, un italiano di 50 anni, è stato posto in stato d’arresto presso il proprio domicilio in attesa del processo con rito direttissimo che si svolgerà domattina. Dovrà rispondere dell’accusa di omissione di soccorso, lesioni a pubblico ufficiale e non osservanza dell’alt imposto dalle forze dell’ordine.

L’agente F.P. è stato trasportato al Pronto soccorso del Grassi. Ha riportato traumi vari classificati in codice verde e quindi non corre pericolo di vita. Al termine degli accertamenti i medici gli hanno riscontrato una frattura ad una spalla: ne avrà per 30 giorni. La presidente del X Municipio, Giuliana Di Pillo ha chiamato il comandante del GIT Antonio Di Maggio per esprimere la propria solidarietà e portare una parola di conforto all’agente rimasto ferito.

Durissimo il commento di Raffaele Paciocca, responsabile Cisl della rappresentanza sindacale della Polizia locale, che già si era espresso con preoccupazione sulla situazione. “L’investimento avvenuto questa mattina in Via di Acilia e che ha visto il ferimento di un agente della Polizia Locale, impegnato in un servizio di piantonamento delle voragini su manto stradale e per assistenza a estemporanei lavori di transennamento da parte dell’ufficio tecnico onde garantire la sicurezza degli automobilisti – commenta Paciocca – é un fatto di una gravità inaudita. Esprimiamo come CISL FP la più grande vicinanza al collega e gli auguriamo una pronta guarigione. Riteniamo quanto avvenuto ennesima, tragica conferma di quanto da tempo denunciamo con forza: la mancanza di progettualità, di interventi strategici, pianificati, di viabilità e di manutenzione delle strade, portano a questo impiego della polizia locale nella migliore delle ipotesi per servizi di piantonamento e nella peggiore come transenne umane. Con quali esiti, lo stiamo tristemente constatando. Per incomprensibili e inespresse motivazioni, gli atti amministrativi connessi alla manutenzione delle strade continuano a mancare, privando il X Municipio dal 21 febbraio anche degli interventi più urgenti. É tempo che i soggetti istituzionali competenti e preposti alla direzione amministrativa e tecnica si assumano le responsabilità conseguenti a queste lacune, a queste mancanze, a questi avvenimenti, che in piana evidenza vanno a detrimento della cittadinanza tutta e mettono a repentaglio la sicurezza e l’incolumitá dei lavoratori della Polizia Locale“.