Seguici su

Cerca nel sito

Nuoto Paralimpico, Italia prima nel Medagliere, Pancalli: “Un gruppo straordinario di campioni”

Esprime soddisfazione il Presidente del Comitato Italiano Paralimpico a margine della vittoria del Mondiale di Londra. 50 medaglie il bottino totale

Il Faro on line – Una Paralimpiade da protagonisti. Questo è l’intento del mondo paralimpico del nuoto. E dopo le medaglie portate a casa a Londra, non potrà che essere così. Probabilmente.

Eh si. Sono tante 50 medaglie. E hanno proiettato l’Italia in cima la Medagliere finale a squadre. Gli azzurri vincenti e vincitori a Londra si sono presi la competizione per intero, dopo aver collezionato 20 ori (e altrettanti titoli iridati), 18 argenti e 12 di bronzo. E tra un anno ecco Tokyo 2020. Il sogno più grande. Tutto sarà possibile sotto al Monte Fuji per una Nazionale incredibile che ha saputo stupire e imporsi sugli avversari, con forza e convinzione. Talenti puri. Ragazzi e ragazze appassionati della disciplina e amanti dello sport. Della vita. Rivincita per molti e gioia per tutti.

Arrivano allora con grande soddisfazione le parole del presidente Luca Pancalli. La prima figura del Comitato Italiano Paralimpico ha dichiarato: “L’Italia del nuoto paralimpico ha scritto un altro pezzo di storia dello sport internazionale – ha detto Pancalli come riportato dal sito ufficiale del Cip – un successo che ci proietta in cima al mondo come eccellenza sportiva – ha proseguito – si tratta di un risultato frutto dello straordinario lavoro messo in campo dalla FINP, guidata dal Presidente Roberto Valori, e da un team eccezionale coordinato dal CT Riccardo Vernole. Questo gruppo ha saputo costruire, negli ultimi anni, le basi di un successo incredibile”.

E il pensiero di Pancalli si sofferma poi anche sui campioni e campionesse della Nazionale. Protagonisti assoluti del Mondiale 2019: “Siamo orgogliosi di questi ragazzi e di queste ragazze. Il Mondiale appena terminato rappresenta il miglior biglietto da visita per la Paralimpiade di Tokyo. Un appuntamento importantissimo che vogliamo affrontare da protagonisti”.

Foto : Augusto Bizzi/Finp