Seguici su

Cerca nel sito

Dal calcio, alla politica, allo spettacolo. Il mondo ricorda Maradona. Messi: “Diego è eterno”

Parole, messaggi, ricordi si moltiplicano sui social in ricordo del grande campione scomparso. Chi ha giocato con Diego come Mauro e Platini. Cannavaro incredulo. De Magistris: “Al San Paolo il nome di Diego”

Sotto shock il mondo del calcio. Il suo dio è scomparso poche ore fa in Argentina. Maradona è stato colpito da un arresto cardiorespiratorio, in una condizione di  salute già compromessa e reduce da un intervento chirurgico al cervello. Ma non è solo il pallone a piangerlo. Il dolore si propaga senza confini in tutti i settori della vita, dello sport in generale.

Sui social si moltiplicano i messaggi dedicati al Pibe de Oro. Il numero 10 di sempre. Il simbolo di quel numero, padre dei fuoriclasse. Lui il più grande di tutti. Da Baresi, al presidente del  Consiglio Conte e anche De Magistris. Il Sindaco di Napoli, in questi minuti in lutto, lancia una proposta: “Dedichiamo a Diego lo Stadio San Paolo”. Anche il Ministro  dello Sport lo omaggia su Facebook. Ronaldinho, Cristiano Ronado dedicano a Diego parole  di grande affetto. I grandi del calcio lo ricordano. Lo onorano. I ragazzi cresciuti  con l’esempio di Diego e il sogno di diventare  come lui in campo. Il mago del calcio. Il giocoliere che accarezzava persino un’arancia e la trattava come un pallone.

Intanto per la città cortei di tifosi lo ricordano. Lumi votivi vengono accesi e anche nella piazzetta dei quartieri spagnoli, di fronte al murales di Maradona. C’è un bar lì accanto con decine di foto del campione argentino appese al muro. Non riescono i suoi tifosi a parlare al passato di Diego. Si fa fatica ad accettare la realtà. Un momento storico senza il loro campione del cuore, adorato come San Gennaro. E’ stato proclamato un giorno di lutto cittadino a Napoli, che probabilmente si replicherà nei prossimi giorni, quando in Argentina saranno svolti i funerali.

Di seguito i messaggi sui sociali, in ricordo di Diego

Michel Platini a RTL in Francia: “E’ il nostro passato che se ne va. Con Diego ci siamo visti, affrontati tante volte. Avevo una grande ammirazione per lui, poi c’era la rivalità. Non si può essere al vertice entrambi, giocare coppe del mondo per vincerle, giocarsi i campionati con Juve e Napoli e non essere rivali. La prima parola che imparai arrivando in Italia fu la parola ‘sfida’: Maradona sfida Platini, Platini sfida Zico…negli anni Ottanta vivevamo di rivalità”. Sono molto, molto triste – continua Michel – c’è la nostalgia di un’epoca che è stata bella. E’ morto Cruyff, Di Stefano, Puskas, tanti grandi giocatori che hanno segnato la mia giovinezza e la mia vita. Si arriva a un’età in cui vedi tanta gente andarsene”.

Franco Baresi, ex campione del Milan: “Mi piange il cuore, è stato un onore affrontarti, avevi un cuore grande, continuerai a fare magie e a regalare gioia ed emozione per sempre #Maradona Ciao Diego RIP”.

Francesco Totti, ex capitano della Roma: “Hai scritto la storia del calcio… Ciao Diego”.

Alessandro Del Piero, ex calciatore e capitano della Juventus: “Se stessi con un vestito bianco a un matrimonio e arrivasse un pallone infangato, lo stopperei di petto senza pensarci” – Diego Armando Maradona. Buon viaggio Diego! RIP”.

Fabio Cannavaro, campione del mondo con l’Italia a Berlino. Ex calciatore del Napoli: “Sono senza parole, non mi sembra vero – riporta sportmediaset.it – buon viaggio DIEGO….RIP”.

Massimo Mauro, ex calciatore  del Napoli: “Arrivò Diego, e a Napoli cambiò tutto. Il più generoso di tutti”. (dichiarazioni rilasciate a Il Foglio)

Giovanni Malagò, presidente del Coni: “Hai fatto la storia del calcio, tu sei la storia. Sei stato un’icona per il mondo e per Napoli, la tua memoria vivrà in eterno. Un onore averti conosciuto e aver avuto il privilegio di giocare con te. Ciao Diego”.

Walter Zenga, ex portiere dell’Inter: “Ciao Diego Amico mio giocheremo ancora tante partite e mi farai gol come hai sempre fatto .. RIP”.

Luigi De Magistris, sindaco di Napoli: “È morto Diego Armando Maradona, il più immenso calciatore di tutti i tempi. Diego ha fatto sognare il nostro popolo, ha riscattato Napoli con la sua genialità. Nel 2017 era divenuto nostro cittadino onorario. Diego, napoletano e argentino, ci hai donato gioia e felicità! Napoli ti ama! “Intitoliamogli lo Stadio San Paolo”.

Lionel Messi, campione di calcio del Barcellona: “Un giorno molto triste per noi argentini e per il calcio. Ci lascia ma non se ne va, perché Diego è eterno. Conservo tutti i bei momenti vissuti con lui e voglio inviare le mie condoglianze alla sua famiglia”.

Vincenzo Spadafora, ministro dello sport: “La morte di Maradona è una notizia terribile. Era più di un campione, era un genio del calcio, un fuoriclasse assoluto. Ha rappresentato in una stagione irripetibile i sogni e le speranze del popolo della mia città. Napoli piange, stasera”.

Vincenzo De Luca, governatore della Campania: “Unico, irripetibile genialità, il più grande di tutti, il più amato di tutti. Un grande uomo di calcio, un grande uomo di sport che prima del mondo intero, ha fatto innamorare Napoli perché di slancio e senza ipocrisia ha saputo scoprirne e interpretarne l’anima. Ha contribuito a riaccenderne l’orgoglio, unendo generazioni che lo hanno saputo amare, capire e anche perdonare”.

Giuseppe Conte, presidente del Consiglio: “Il mondo intero piange la scomparsa di Maradona, che con il suo talento ineguagliabile ha scritto pagine indimenticabili della storia del calcio. Addio eterno campione”.

Federazione Pugilistica Italiana: “Il calcio ha perso il suo più grande interprete. Lo sport ha perso uno dei suoi più grandi artisti. Come nobile arte piangiamo la scomparsa di uno dei più grandi sportivi di sempre. Riposa in pace”

Ronaldinho, ex campione di calcio: “Eternamente gracias por tu fútbol. Mucha fuerza a la familia”.

Virginia Raggi, sindaca di Roma: “A modo suo ha fatto una piccola rivoluzione, non solo nel calcio, a Napoli, in Argentina o nei posti più disparati ma sempre dalla parte degli ultimi: con passione, eccessi e con tanta generosità. In tanti piangono Diego Armando Maradona. Con umiltà mi unisco a loro”.

Davide Benetello, presidente della commissione atleti  della World Karate Federation: “Adios “Pibe de Oro” che la “Mano de Dios” ti accarezzi al tuo arrivo!”.

Pelé: “Il mondo ha perso una leggenda, io un amico”.

Marco Materazzi, ex calciatore. Campione del mondo a Berlino: “Addio Idolo”

Cristiano Ronaldo, giocatore della Juventus: “Oggi dico addio a un amico e il mondo saluta un eterno genio. Uno dei migliori di sempre. Un mago senza pari. Se ne va troppo presto, ma lascia un’eredità senza limiti e un vuoto che non verrà mai colmato. Riposa in pace, asso. Non sarai mai dimenticato”.

Lorenzo Insigne, capitano del Napoli e giocatore della Nazionale: “Dal giorno in cui sei arrivato nella nostra amato Napoli, sei diventato un napoletano doc. hai dato tutto per la tua gente, hai difeso questa terra, l’hai amata. Ci hai regalato la gioia, i sorrisi, i trofei, l’amore. Sono cresciuto sentendo i racconti della mia famiglia sulle tue gesta, vedendo e rivedendo le tue partite. Sei stato il più grande giocatore della storia. Sei stato il Nostro Diego. Ho avuto la fortuna di incontrarti, parlarti, conoscerti e non ti nego che mi tremavano le gambe. Per me hai avuto  sempre belle parole. Parole di conforto che non dimentico. Da tifoso, da calciatore, da napoletano: grazie D10S”.

Pasquale Fenicelli, attore “Mirko” di Love me Licia: “Sono molto triste e addolorato per la scomparsa del mitico Maradona. Ciao Diego, uomo di grande carisma, che hai regalato solo gioia ed emozioni alla mia Napoli e non solo! Un abbraccio”.

Carlo Paris, giornalista: “Il calcio ora non ha più nulla da scrivere, fino all’arrivo di un altro Messia. Se ci sarà”.

(Il Faro online)