Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

L’arco paralimpico ritrovato, Asia Pellizzari: “Grazie ai Carabinieri.. gioia immensa!”

Era stato rubato nella casa dell’atleta lo scorso mese di settembre lo strumento di gara. Un passante lo ha notato in una casa in costruzione

Più informazioni su

Treviso - Medaglie olimpiche rubate, gadget sottratti agli atleti di ritorno da Tokyo. E’ accaduto questa estate a Lorenzo Zazzeri, fuori dalla sua piscina a Firenze. Ma poi il tam tam sui social ha fatto ritrovare al vicecampione a cinque cerchi della 4x100 stile (leggi qui) i ricordi  che lui aveva riportato dal Giappone per la famiglia e gli amici. (leggi qui) Si moltiplicano queste storie, ogni volta che la competizione a cinque cerchi termina.

Ed è successo anche ad Asia Pellizzari. Per le Paralimpiadi. L’azzurra ha partecipato alla prima edizione della vita dell’evento sportivo più importante e con sé aveva portato l’arco professionale, per partecipare alle gare. Non ha riportato nessuna medaglia Asia, ma solamente quell’arco e tante emozioni nel cuore, che probabilmente non dimenticherà mai più. Un oggetto di cuore molto prezioso allora l’arco, per lei.

Un grande dolore quella sera del 29 settembre. Era stato sottratto da ignoti nella casa dell’azzurra. La buona notizia è arrivata nelle ultime ore. infatti i Carabinieri hanno ritrovato l’arco di Tokyo, in una casa in costruzione poco lontano da quella dell’atleta paralimpica, a Mareno di Piave (Treviso). E’ stato un passante a notarlo e lo ha segnalato alle forze dell’ordine: “Gioia immensa! Grazie grazie grazie..”. Ha scritto Asia sulla sua pagina personale Instagram.

Adesso la Pellizzari potrà riavere tra le braccia l’oggetto più prezioso per preparare le prossime competizioni.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Asia Pellizzari (@asia_pellizzari_atleta)

Il Faro online - Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport

 

Più informazioni su